Chi viene e chi parla, a Terni arriva Damiano. E le sinistre si presentano

L'ex ministro Cesare Damiano
2 Minuti di Lettura
Martedì 6 Febbraio 2018, 16:14

TERNI - Decolla la campagna elettorale in vista del voto del 4 marzo. Domani, 7 febbraio 2018, a Terni, alle 18 all'hotel Valentino, l'attivo comunale del Pd aperto a iscritti e simpatizzanti alla presenza dei candidati Cesare Damiano (uninominale Camera), Simonetta Mignozzetti (uninominale Senato), Leonardo Grimani (proporzionale Senato), Maurizio Terzino (proporzionale Camera), del sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, e della presidente della Regione Catiuscia Marini. Sia per l'ex ministro Damiano, che domani sarà anche ospite di TeleGalileo, che per la Mignozzetti la prima uscita pubblica di questa campagna elettorale c'è stata lo scorso weekend a Orvieto. «Siamo il partito che rappresenta l'unico argine democratico ai rigurgiti di destra e fascisti - ha detto Damiano sulla Rupe - Questo è il tempo dell'unità e non delle divisioni tra maggioranza e minoranza. Dobbiamo lavorare per dare voce alle istanze del territorio e continuare nelle battaglie nazionali per il lavoro, lo stato sociale, i giovani, i più deboli”. 

LE SINISTRE SI PRESENTANO Nei primi giorni della campagna elettorale intanto si sono presi la vetrina in città le forze della sinistra più radicale. «Se la destra parla alla pancia, noi parleremo al cuore dell’Italia, quella migliore fatta di solidarietà e giustizia», hanno detto i rappresentanti di Potere al Popolo presentando i propri candidati con l’obiettivo di «rimettere insieme il popolo della crisi». Quella crisi, non solo economica, rappresentata ad esempio dal candidato all’uninominale della Camera, Emiliano Camuzzi, ex dipendente dell’Isrim simbolo del fallimento della stagione delle società partecipate e delle politiche pubbliche sul fronte della ricerca. Punta sulla sostenibilità tra lavoro e ambiente invece Liberi e uguali che schiera al Senato la cigiellina nonché ex consigliera di parità della Provincia di Terni, Raffaella Chiaranti, e alla Camera Antonio Iannoni, ricercatore del centro europeo dei polimeri nanostrutturali. «In zone come queste serve ripensare la produzione industriale e la riconversione in chiave ambientale è un elemento centrale per rilanciare la produzione e i posti di lavoro». Anche il Partito Comunista, con il segretario nazionale Marco Rizzo, ha scelto Terni «città simbolo dell’industria e delle lotte operaie» per lanciare la campagna elettorale in Umbria
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA