Serse Cosmi torna in serie A: serve un miracolo per salvare il Crotone. La "profezia" sui social

Serse Cosmi torna in serie A: serve un miracolo per salvare il Crotone. La "profezia" sui social
2 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Marzo 2021, 17:18

PERUGIA - La missione, dati alla mano, è impossibile: otto punti (ma potrebbero essere di più perché la quart'ultima, il Torino, ha una gara in meno) di svantaggio da colmare in tredici partite, appena dodici punti in 24 gare giocate. Eppure, quando c'è in ballo Serse Cosmi, nulla di può dare per scontato. Perché anzi l'uomo del Ponte ha più volte dimostrato di saper riuscire laddove sembra tutto già scritto, di essere in grado di tirare fuori dai suoi giocatori motivazioni e rendimento impensabili fino a qualche settimana prima.

E' proprio questo, evidentemente, lo "storico" che ha convinto la dirigenza del Crotone a puntare su di lui all'indomani della sconfitta contro il Cagliari che complica in modo quasi irreparabile la corsa alla salvezza in serie A per i calabresi. Ma attenzione, perché qualche anno fa lo stesso Crotone fu protagonista di una salvezza altrettanto impensabile solo qualche mese prima. 

Dopo la decisione di esonerare Giovanni Stroppa, nella giornata di lunedì, la società ha vagliato tre profili: quello di Serse e di un altro ex grifone, Cristian Bucchi, e quello di Walter Zenga. Alla fine la scelta è virata su Cosmi che avrà giusto il tempo di mettere la firma sul contratto fino a giugno per poi preparare un esordio che più complicato non si può: contro l'Atalanta con nemmeno 24 ore di tempo per conoscere ambiente e giocatori.

Una sfida impossibile, ma se c'è qualcuno che ha le caratteristiche per vincerla è proprio Serse. Che qualche giorno fa sul proprio profilo Instagram ha postato una specie di profezia: «Non serve strappare le pagine della vita, basta saper voltar pagina e ricominciare» frase di Jim Morrison. Serse probabilmente non si aspettava di subentrare alla guida del Crotone, ma evidentemente "sentiva" che qualcosa stava per arrivare dopo il traumatico ritorno sulla panchina del Perugia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA