Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Attimi di apprensione al campo della Polymer per l'attaccante della Ternana Pettinari dopo uno scontro con Celli, ma nulla di grave

Attimi di apprensione al campo della Polymer per l'attaccante della Ternana Pettinari dopo uno scontro con Celli, ma nulla di grave
di Paolo Grassi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 08:52 - Ultimo aggiornamento: 12:42

TERNI Attimi di paura, fortunatamente poi passati, durante l'allenamento della Ternana di martedì 16 agosto, alla ripresa pomeridiana dopo l'esordio di Ascoli Piceno perso per 1-0 nella prima giornata di serie B. L'attaccante Stefano Pettinari, dopo uno scontro con il compagno di squadra Allessandro Celli proprio durante la partitina di allenamento ai campi della Junior Campomaggio alla Polymer, ha preso una botta forte alla zona lombare ed è finito a terra dolorante. Per un po', il calciatore non riusciva a rialzarsi. E così, si è pensato di chiamare un'ambulanza per far trasportare il calciatore in ospedale, al fine di sottoporlo, in via strettamente precauzionale, a un esame di accertamento. La cosa si è resa indispensabile anche e proprio vista la parte del corpo, molto delicata, dove il giocatore aveva preso la botta. Quando Pettinari è arrivato all'ospedale Santa Maria era quasi sera. E' stato sottoposto a tutti gli esami e gli accertamenti. In attesa di conferme ufficiali dalla Ternana calcio, anche sulla situazione dell'attaccante, dalle prime notizie trapelate in serata sembra che non si sia trattato di nulla di grave o preoccupante. Se così fosse, sarebbe un sospiro di sollievo. Da vedere, comunque, se l'ex romanista potrà subito tornare ad allenarsi con i compagni, o se dovrà attendere ancora qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA