CORONAVIRUS

Terni, il sindaco Latini: «Mio impegno costante per la sicurezza sul lavoro
Vanno rispettate tutte le prescrizioni»

Lunedì 6 Aprile 2020

"Come sindaco di Terni continuo a monitorare e a interessarmi costantemente, come ho sempre fatto, senza clamori o pubblicità, delle dinamiche del lavoro e dei diversi siti produttivi del nostro comune, soprattutto durante questa emergenza sanitaria". Lo scrive in una propria nota il sindaco Leonardo Latini.

"Ribadisco, per quanto mi riguarda, l’alto valore e il significato del lavoro per ciascun essere umano, senza discriminazioni o distinguo di sorta. Lavoro che deve essere svolto sempre nelle massime condizioni di sicurezza". 

"Con riferimento alla maggiore azienda del nostro comprensorio, in queste settimane il mio contatto a livello istituzionale è stato frequente e preoccupato, con l’obiettivo di dare un contributo fattivo, nei limiti delle mie competenze e prerogative di legge".

"Nel momento in cui le norme nazionali, come interpretate a livello locale dagli organi di rappresentanza territoriale del Governo, consentono la ripresa dell’attività di Ast, ho rappresentato in tutte le interlocuzioni l’assoluta necessità che siano rispettate tutte le prescrizioni e che vengano adottate tutte le misure di controllo e di verifica a salvaguardia della sicurezza e della salute dei lavoratori e delle loro famiglie".

"Nelle prossime ore, nei prossimi giorni continuerò ad esercitare il mio ruolo che ritengo doveroso porre in essere a tutela dei lavoratori e dei cittadini ternani, della loro salute e del loro futuro". 

"Il mio pensiero va, in queste ore, anche ai dipendenti delle varie filiere produttive, ai singoli esercenti, a chi opera nei servizi pubblici, alle forze dell’ordine, ai medici, agli operatori sanitari e a tutti coloro che sono in prima linea contro la diffusione del Covid-19 e per continuare a garantire alla città non solo l'essenziale, ma anche una prospettiva di futuro, con grande sacrificio personale"..

"In questi giorni infatti molti cittadini continuano a prestare la loro opera preziosa nei rispettivi luoghi di lavoro. Il mio auspicio, il mio pensiero, ma anche il mio obiettivo per quelle che sono le mie funzioni, è che il lavoro di ciascuno possa svolgersi in sicurezza e che le esigenze produttive tengano sempre conto delle esigenze fondamentali della tutela della salute".  

"Auspico che nella nostra città, da sempre all’avanguardia sul terreno delle garanzie, dei diritti e dei doveri, tutto ciò sia già patrimonio di tutti gli attori imprenditoriali e sociali. Sono sicuro - conclude il sindaco Leonardo Latini - che, con spirito di sacrificio e di responsabilità, la nostra comunità saprà affrontare, ciascuno nel proprio ruolo, anche questa ennesima difficoltà che la sorte e la storia ci pongono davanti".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani