Ancora scioperi alla Treofan di Terni: proclamate altre 24 ore. Interviene la regione

Martedì 7 Luglio 2020
Impianto della Treofan
I dipendenti della Treofan non mollano: dopo un’assemblea è stato proclamato un altro pacchetto di ore di sciopero con assemblea permanente nei pressi della portineria automezzi. Già domani, otto luglio, ci sarà l’astensione dal lavoro pur se gli impianti, denominati B29, B30 e LO5 manterranno la produzione normale. Ci saranno comunque problemi sulla spedizione dei prodotti finiti a clienti che stanno aspettando i rotoli del film per le loro esigenze. Il nuovo pacchetto di sciopero è stato proclamato a seguito delle proposte contrastanti da parte dell’amministratore delegato Manfred Kaufman, che aveva messo sul piatto anche la possibilità di vendere la fabbrica ternana, posizione poi mitigata da altri membri del management. Ora i sindacati vogliono avere una proposta scritta da parte della Jindal per presentarsi in maniera propositiva alla prossima riunione che si terrà, in “presenza” al Ministero dell'Industria e dello Sviluppo economico.
Intanto i lavoratori incassano il "Sì" unanime dei consiglieri regionali che hanno votato compatti una mozione  unitaria firmata da tutti capigruppo relativamente alla “crisi aziendale e al futuro degli stabilimenti del Gruppo Treofan Italy Spa”. Il documento impegna la Giunta regionale a “mettere a disposizione dell’attuale o dell’eventuale futura proprietà, ai fini del mantenimento dello sviluppo occupazionale e del sito produttivo di Terni, tutti gli strumenti relativi all’Area di crisi complessa”, ed ancora, “a sollecitare il Governo affinché segua con la massima attenzione la vertenza mettendo anch’esso a disposizione tutti gli strumenti necessari”.
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA