Amelia, vendevano funghi senza permesso. Sequestrato un carico di porcini e destinato in beneficenza

Amelia, vendevano funghi senza permesso. Sequestrato un carico di porcini e destinato in beneficenza
di Francesca Tomassini
2 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Ottobre 2022, 11:17

AMELIA Rivendita di funghi abusiva. Sequestrato il carico. Avevano improvvisato un banchetto lungo la via Amerina allestendo la "vetrina" sul pianale del bagagliaio della propria automobile. Due cassette piene di porcini, smerciati al prezzo di dieci euro al chilo. Uno spaccio che non è passato inosservato a una pattuglia dei carabinieri forestali di Amelia i quali, insospettiti, hanno proceduto ai controlli del caso. 

A seguito delle verifiche, è emerso che i funghi erano stati messi in vendita senza passare i controlli Asl previsti per legge. Ad aggravare la posizione dei due italiani improvvisati venditori, il fatto che la vendita itinerante di funghi freschi sfusi sia espressamente vietata dall'ordinanza del Ministero della Salute del 3 aprile 2002.

Per questo, i militari hanno sequestrato il carico, circa quindici chili, e  multato i venditori per un importo di circa cinquecento euro. 

I funghi sono stati poi ispezionati dai micologi dell'Asl Umbria 2. Giudicati prodotto idoneo al consumo, in quanto appartenenti tutti al genere Boletus, sono stati destinati a enti benefici. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA