Amelia, riaprono il Museo Archeologico e le cisterne romane. Percorsi turistici esclusivamente su prenotazione

Amelia, riaprono il Museo Archeologico e le cisterne romane. Percorsi turistici esclusivamente su prenotazione
di Francesca Tomassini
2 Minuti di Lettura

Riaprono i battenti i musei di Amelia. Dopo la chiusura forzata a causa della pandemia, sabato 8 maggio il Museo Archeologico Edilberto Rosa e le cisterne romane saranno di nuovo accessibili al pubblico.

Organizzato sui tre piani del complesso Boccarini, il museo ha una sezione archeologica composta da reperti che provengono da scavi sul territorio che mostrano la vita di Amelia dal periodo Umbro preromano, poi quello dell’Ameria municipio romano e altomedievale.

Fra le opere più importanti, la statua bronzea di Germanico, un esemplare unico. 

Dal 10 ottobre 2019, data del bimillenario della morte di Germanico, al piano terra del museo è presente la mostra-installazione “Germanico Cesare… a un passo dall’impero”. Una rivisitazione di tutta la storia di Germanico e la famiglia Giulio-Claudia attraverso strumenti multimediali e realtà aumentata.

Collocata al secondo piano, la pinacoteca custodisce opere di Pier Matteo d’Amelia (XVI sec.) come la preziosa tavola con Sant’Antonio Abate; di Livio Agresti (XVI sec.); di Giacinto Gimignani (XVII sec.); e della cerchia di Sebastiano Conca (XVIII sec.).

Per il momento, come previsto dalle norme anti Covid-19, gli ingressi saranno consentiti esclusivamente su prenotazione da effettuarsi almeno 24 ore prima della data programmata per la visita. 

Per  effettuare la prenotazione si può inviare una email a: amelia@sistemamuseo.it.

Per quanto riguarda il mese di maggio l’accesso al pubblico sarà consentito sabato e domenica.

Per il museo archeologico dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, per le Cisterne dalle 10 e 30 alle 13 e dalle 16 alle 18.   

Giovedì 6 Maggio 2021, 19:05 - Ultimo aggiornamento: 19:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA