Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Amelia, le "Seduzioni" di Grilli in mostra a palazzo Pagliaricci.

Amelia, le "Seduzioni" di Grilli in mostra a palazzo Pagliaricci.
di Francesca Tomassini
1 Minuto di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 10:19

In corso fino al 3 luglio "Seduzioni", la personale del fotografo Emanuele Grilli a palazzo Pagliaricci-Angeletti. Protagonisti, secondo le parole dello stesso autore «saranno iI colori, l'essenza di ciò che nasce e scaturisce da un osservazione profonda e allo stesso tempo eclettica». Immagini che guidano lo spettatore lungo un percorso fatto di luce ed ombra, dove a farla da padrone saranno trame e trasparenze. Un gioco materico ripreso anche nell'allestimento imperniato sul tessuto nelle sue molteplici forme e colori. «Trovo che nelle forme -spiega ancora l'artista amerino - così come nelle trame di quello che vado cercando nasca una visione che parla una nuova lingua, una fotografia che porta il mio nome e va oltre me, dentro la mia personale visione». Valore aggiunto della mostra, la splendida cornice di Palazzo Pagliaricci. L'atrio dell'antico palazzo, restaurato dopo il terremoto del 1997, potrebbe ancora oggi ospitare una proiezione cinematografica per una quarantina di spettatori. Perfettamente conservata la cabina di proiezione con le tre feritorie (la centrale per il proiettore, quelle superiori per il proiezionista). Davanti al portone era posizionato lo schermo mentre sulla sinistra era collocato un pianoforte con il quale un'antenata degli attuali proprietari suonava musiche di sua creazione durante i film.

© RIPRODUZIONE RISERVATA