Amelia, cinema e filosofia. Sul grande schermo le grandi domande dell'esistenza

Amelia, cinema e filosofia. Sul grande schermo le grandi domande dell'esistenza
di Francesca Tomassini
3 Minuti di Lettura
Martedì 1 Novembre 2022, 15:57

AMELIA Cosa siamo? Perché siamo qui? Siamo frutto dell'amore o del caso che governa le regole di questo mondo?
Oltreilvisibile presenta una rassegna cinematografica che è un caleidoscopio di tutto ciò che è eternamente umano, una storia infinita della vulnerabilità dell'esistenza.

Una serie di tableaux vivants che mostrano la bellezza e la meraviglia, ma anche l’assurdità e la ripetitività della vita quotidiana.
«L’intenzione -spiegano gli organizzatori- è quella di spingersi oltre l’indagine dell’umano. Quell’oltre che è parte della vita e dei sentimenti, i quali esistono da prima di ognuno di noi e resisteranno anche dopo la fine dei nostri giorni».

PROGRAMMA

Amelia (Tr)
Sala comunale Boccarini
(piazza Augusto Vera, 10)


Venerdì 4 novembre - ore 21.00
Sulla infinitezza, regia di Roy Andersson, Svezia, 2019, 76’ – v.o.sott.it.

Una sovrapposizione di quadri che catturano momenti di vita. Alcuni dei personaggi ritratti sono Adolf Hitler, una direttrice marketing, una donna che ama lo champagne e un prete.
La narrazione è guidata dalla voce calda di una donna, una sorta di Scheherazade che racconta la storia dell'umanità e invita gli spettatori a riflettere sulla preziosità e la bellezza della nostra esistenza.

Leone d'Argento - Premio speciale per la regia alla Mostra internazionale d'arte cinematografica del 2019 

Sabato 5 novembre - ore 21.00

Voyage of time - Il cammino della vita, regia di Terrence Malick, USA, Germania, 2016, 90’ – v.o.sott.it.

Un compendio della storia del pianeta Terra, dalla nascita delle stelle alla comparsa dell'uomo, passando dall'origine dei pianeti alla microbiologia, dalla formazione delle masse stellari alla lava che si stempera nell'acqua, fino a gole di roccia scolpite dal vento, fiumi, deserti, ghiacciai.

2016 - Mostra internazionale d'arte cinematografica: Menzione speciale per il Premio Future Film Festival Digital Award.


Domenica 6 novembre - ore 18.00

Presentazione del libro
Il treno 
Europa Edizioni, 2021
di Miriam Marino


Insieme all’autrice interverrà Roberta Boccacci, artista
Un gruppo di persone sta viaggiando su un treno di cui non conosce la destinazione; nessuno ricorda il momento in cui ha avuto inizio il viaggio né i motivi che lo hanno spinto a partire…

A seguire ore 18.30
Sogni, regia di Akira Kurosawa, Giappone, USA, 1990, 120’ – v.o.sott.it.

Composto da 8 episodi, è basato sui concetti del realismo magico e di alcuni sogni del regista. Il film racconta, anche se non esplicitamente, la vita di Kurosawa e gli episodi rappresentano i vari periodi della vita, partendo dall'infanzia fino alla morte, ambientati in fasi diverse della storia (passato remoto, passato prossimo, presente, futuro), nonché nelle quattro stagioni.

Prodotto grazie al contributo di Steven Spielberg e George Lucas, il film è stato presentato fuori concorso al 43º Festival di Cannes.
1991 - Awards of the Japanese Academy: Miglior colonna sonora. 1991 - Golden Globe: Candidatura al premio per il miglior film straniero (Akira Kurosawa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA