Afas Pila, servizi e consigli
a misura di famiglia

La dottoressa Laura Prudenzi, direttrice Afas 12 di Pila (Perugia)
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Marzo 2019, 12:54

PERUGIA - ​Lungi dall’essere un mero supermercato del medicinale, la farmacia è diventata un luogo dove il cliente-paziente trova anche disponibilità, comprensione ed empatia. Elementi fondamentali in ogni percorso terapeutico e diventati quasi un emblema per la farmacia Afas 12 di Pila, a Perugia, diretta da Laura Prudenzi. Un punto di riferimento a misura di famiglia in una delle frazioni più dinamiche del capoluogo.
Dottoressa Prudenzi, la salute è un bene primario. Come mantenerla nel tempo?
“Servono uno stile di vita sano e abitudini virtuose. Quindi alimentazione corretta, vita all’aria aperta, un po’ di esercizio fisico e niente fumo. Anche bere molta acqua è importante, spesso più si invecchia e meno si beve. Mantenere la casa e il luogo di lavoro in perfette condizioni igieniche aiuta senz’altro lo stato di salute generale. Inoltre, raccomando di rispondere agli screening promossi dalla Regione e di partecipare alle campagne di prevenzione promosse da Afas: un modo utile per prevenire patologie”.
Internet ci illude di poterci curare col fai da te, sostituendoci ai professionisti della salute.
“Diffido sempre dal prendere per oro colato ciò che si legge su internet, perché molti argomenti sono trattati per sentito dire e chi scrive, spesso, non ha adeguate competenze medico-scientifiche. Per consulenze serie, professionali e personalizzate è molto meglio il rapporto con un medico o un farmacista di fiducia, in carne e ossa”.
Come immagina la farmacia del futuro?
“La tecnologia sarà sempre più presente e ben venga se aiuta a ottimizzare. Attenzione però a non perdere mai di vista la relazione umana: sono contraria a una farmacia intesa solo come supermercato del farmaco; non si guarisce solo con pillole e iniezioni. In Afas le persone trovano empatia, sostegno psicologico, consigli personalizzati: elementi preziosissimi per il percorso terapeutico del paziente. Il concetto profondo di farmacia sociale è tutto qui. Afas ha il dovere civico e morale di portare avanti questo impegno anche nel prossimo futuro”.
Ci parli dell’Afas 12 di Pila.
“Siamo orgogliosi di definirci una farmacia di paese, nel senso che per noi la qualità dei rapporti umani è al primo posto. Le persone vengono volentieri perché si sentono accolte, ascoltate e ben consigliate. Ci piace molto essere considerati un punto di riferimento per il benessere della famiglia”.
Quali servizi vi contraddistinguono?
“Autoanalisi di pressione, colesterolo, peso e glicemia. Abbiamo inoltre Angolo della Salute, Baby PitStop e Cup. Intorno a noi ci sono anche diversi ambulatori di specialisti, per cui le famiglie hanno a disposizione un piccolo polo per molte esigenze di salute e benessere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA