Capodanno Rai in Ast, Amadeus: «Con il mio nome Terni conquista la quarta A»

Capodanno Rai in Ast, Amadeus: «Con il mio nome Terni conquista la quarta A»
di Aurora Provantini
4 Minuti di Lettura
Venerdì 31 Dicembre 2021, 18:29

Terni conquista la quarta A: la A di Amadeus. In omaggio al conduttore Rai che stanotte, dal palco allestito in Ast, presenterà lo spettacolo di Capodanno di RaiUno. Un regalo genuino della città all'artista tanto popolare, che per di più ha origini umbre, perché il nonno materno era di Trevi. «Quando sono arrivato a Terni mi è stato detto che avrei soggiornato nella città delle tre A: di amore, acqua e acciaio. Soprattutto mi è stato annunciato che da adesso in avanti sarebbe stata introdotta la quarta A (di Amadeus, ndr)».

«Un regalo graditissimo - ammette - mai ricevuto prima, che mi pregia». Inorgoglito da tanta attenzione, si prepara a rendere indimenticabili le cinque ore (dalle ore 21 del 31 dicembre 2021 alle 2 del primo gennaio 2022) di diretta televisiva che per la prima volta si svolgono da un luogo simbolo del lavoro: dalle acciaierie di Terni. «Il merito di tutto questo - argomenta Amadeus - va a chi ha fatto del suo meglio per realizzare l'evento nonostante le incertezze generate dal quadro epidemiologico, a tutti coloro che sono dietro la macchina organizzativa e che si ritrovano ogni giorno a prendere le decisioni più adeguate al momento che stiamo vivendo».

«Abbiamo l'obbligo morale di far sì che il pubblico viva questo evento come un sogno, dobbiamo regalare ai telespettatori una serata che faccia loro dimenticare, almeno per alcune ore, le difficolta che la pandemia sta generando. E' un onore per la Rai e per me essere a Terni. E perché questa edizione possa passare alla storia è stato scelto un cast d'eccezione, una scenografia bellissima, un allestimento mozzafiato». Poche anticipazioni da parte del conduttore, che si sofferma a raccontare invece l'emozione che lo ha travolto quando è entrato all'interno delle acciaierie: «La prima volta per me. Un impatto forte. Che mi ha trasmesso l'imponenza della produzione di una materia prima così importante».

Una prima volta entusiasmante anche per il sindaco Latini, che segue la scia dell'emozione del giorno precedente, quando è stata restituita alla città la Fontana dello Zodiaco di piazza Tacito. «Sebbene il Capodanno Rai sia un evento unico, anche l'inaugurazione del restauro della fontana di Ridolfi ha rappresentato un traguardo da ricordare». «Terni ha grandi aspettative nei confronti de L'Anno che Verrà aggiunge Latini - perché si tratta di una kermesse seguita da milioni di telespettatori e perché farà fare al nostro territorio il giro del mondo». Il Capodanno Rai, infatti, verrà trasmesso in diretta anche negli Stati Uniti, a partire dalle 12 nell'area di Los Angeles e dalle 15 in quelli di New York, in Argentina, in Brasile, in Sudafrica, in Cina e in Australia. Dalla più antica fabbrica d'Italia, la notte di San Silvestro, milioni di spettatori potranno ammirare le immagini più belle della Cascata delle Marmore, dei laghi, dei luoghi d'arte, dei borghi. E magari riconoscere anche qualche lontano parente tra il pubblico.

«Abbiamo l'opportunità - evidenzia l'assessore regionale Paola Agabiti - di far conoscere le unicità del nostro territorio. Mi piace sottolineare la stretta collaborazione con tutti gli enti coinvolti (Regione, Comune, Fondazione Cairit, Ast e Rai, ndr) che ha messo in evidenza quanto sia importante fare sistema e lavorare tutti nella stessa direzione». Gli ospiti (Massimo Ranieri, Loredana Bertè, Achille Lauro, Orietta Berti, Raf, Cristiano Malgioglio, Clementino, Umberto Tozzi, Rkomi, Nek, Donatella Rettore, Fausto Leali, i Gemelli di Guidonia, Alba Parietti, Edorado Vianello, Corona, i Los Locos) sono in città da un paio di giorni. C'è attesa: la piattaforma per la prenotazione dei biglietti è stata aperta per pochi minuti, il 30 pomeriggio, andati a ruba

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA