Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Terni papà Gianpietro: Ha perso suo figlio e racconta la droga a studenti e genitori

A Terni papà Gianpietro: Ha perso suo figlio e racconta la droga a studenti e genitori
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 16:55

TERNI - “La strada me l’ha indicata mio figlio. Sognai che lo stavo salvando dalle acque di quel fiume che lo aveva portato via per sempre. Quella notte ho capito che, se avessi salvato un solo ragazzo, avrei salvato Emanuele”.

Gianpietro Ghidini, che con la fondazione Ema Pesciolinorosso gira per l’Italia per portare la propria testimonianza e un messaggio di speranza contro le dipendenze, sarà a Terni due giorni per incontrare gli studenti dell’istituto Felice Fatati e le famiglie.

Ad organizzare gli incontri “Lasciami volare” nell’ambito del progetto “Insieme per contrastare la povertà educativa” è l’associazione Claudio Conti guidata da Tomassina Ponziani, con il sostegno della fondazione Carit, il patrocinio del Comune di Terni e la collaborazione del Cesvol Umbria.

Giovedì 18 novembre, alle 17 e 30, nella sala polivalente del Cesvol, in via Montefiorino, a Terni, l’incontro dei genitori con papà Gianpietro sarà aperto a tutti.

Venerdì 19 novembre, alle 10, l’incontro riservato agli studenti del Felice Fatati, la scuola “adottata” dall’associazione Claudio Conti.

Gianpietro racconterà la propria storia e quella di suo figlio Emanuele, 16 anni, che il 24 novembre 2013, dopo aver provato un acido, in preda alle allucinazioni si gettò nel fiume Chiese, nel Bresciano, nello stesso punto dove da bambino aveva liberato un pesciolino rosso insieme al suo papà.

Da quel giorno papà Gianpietro, imprenditore bresciano, è riuscito a trasformare un dolore inconsolabile in energia, raccontando la sofferenza e la speranza a 350mila studenti e genitori.

Oltre mille e 700 incontri per cercare di condividere l’idea che “non solo possiamo sopravvivere al dolore, ma che le sofferenze e le difficoltà della vita ci possono rendere migliori, perché quello che oggi sembra farci cadere può essere quello che domani ci aiuterà a stare in piedi”.

L’ingresso all’incontro del 18 novembre al Cesvol sarà libero con esibizione del green pass.

Per info: whatsapp 392 6980781; info@pesciolinorosso.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA