CORONAVIRUS

A San Gemini mascherine personalizzate:
il sindaco Clementella gira con lo stemma

Venerdì 17 Aprile 2020 di Aurora Provantini

C’è anche la mascherina con lo stemma del Comune di San Gemini stampato su tessuto non tessuto. Ci gira il sindaco Luciano Clementella, per ora. Ma Alessandra Vitali, designer di gioielli, ne sta preparando altre da donare a tutti i consiglieri comunali.
L’dea di realizzare e personalizzare i nuovi accessori di protezione individuale tanto rari, viene proprio a lei. “Il mio laboratorio è fermo ormai da marzo – dice l’imprenditrice sangeminese – perché sono saltate le mostre mercato. Mi sono ritrovata con un grosso quantitativo di tessuto Tnt che abitualmente utilizzo per gli allestimenti delle fiere, e molto tempo a disposizione. Allora ho contattato una mia collega giapponese e mi sono fatta spedire un cartamodello. Da loro, in Giappone, le mascherine vengono utilizzate abitualmente, per proteggersi dallo smog.  Con quello, mi sono messa a realizzare le prime venti per i vigili urbani di San Gemini. Le hanno scelte azzurre, con la striscia tricolore e il Santo Gemine a cavallo stampato sul lato destro del viso. Gliele ho donate. Per l’Arma dei Carabinieri preparo invece mascherine nere con la fiamma oro (i Carabinieri hanno voluto pagare il costo di realizzazione, ndr) sia per il nucleo di San Gemini che di Acquasparta. Poi regalo quelle bianche con lo stemma del Comune, al primo cittadino. Non sono un medico né un’infermiera, il solo modo che avevo per rendermi utile in questo difficile momento storico, era quello di creare protezioni simpatiche da poter indossare”.

“Sono andato personalmente a Foligno, nella sede della Protezione Civile regionale a reperire le prime mascherine chirurgiche da distribuire alla popolazione – dichiara Clementella – ormai un mese fa. Ad oggi ogni nucleo familiare ha la sua mascherina, grazie alle donazioni fatte da associazioni e privati. E’ ovvio che vanno rinnovate. Infatti in questi giorni ne metteremo a disposizione un ingente quantitativo, che faremo recapitare a casa, a tutti coloro che ne sono sprovvisti. Ci si dovrà abituare ad indossarle sempre, perciò le iniziative come quelle di Alessandra Vitali sono importanti, perchè trasmettono un senso di appartenenza alla comunità. Dal primo caso accertato di positività al Covid- 19, nel Comune di San Gemini, abbiamo rilevato 14 nuovi malati, sei dei quali sono stati già dichiarati guariti.  Diciamo che ci si può concentrare sulla fase 2 dell’emergenza sanitaria, quella che guarda alla ripartenza. Abbiamo fatto riaprire i negozi di fiori, di abbigliamento per bambini e permesso a molte aziende di riprendere la produzione”.

Ultimo aggiornamento: 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA