X Factor 2020, vince Casadilego, Cattelan in lacrime: «È stata la mia ultima edizione»

Venerdì 11 Dicembre 2020 di Mattia Marzi
X Factor 2020, vince Casadilego, Cattelan in lacrime: «È stata la mia ultima edizione»

Una su 40 mila ce la fa. È Casadilego la vincitrice di X Factor 2020. La 17enne cantautrice abruzzese ha trionfato ieri sera nella finale della quattordicesima edizione del talent, piena di colpi di scena. Prima l’eliminazione di Blind, il 20enne trapper considerato il favorito alla vigilia (è arrivato terzo). Poi l’annuncio spiazzante del conduttore Alessandro Cattelan, che prima di proclamare il nome del vincitore ha comunicato, commuovendosi, il suo addio dopo dieci edizioni: «È stato un bel viaggio. Mi sono reso conto che non sta finendo un programma, ma un’epoca». Con la sua Vittoria - il titolo evidentemente le ha portato fortuna - Casadilego ha avuto la meglio nel testa a testa finale sui Little Pieces of Marmelade, la quota rock di questa edizione. Un trionfo condiviso con il suo giudice Hell Raton, il rapper e produttore discografico sardo sul quale la produzione aveva deciso quest’anno di scommettere, scegliendolo come coach.

 

 

 


SOBRIETÀ
Meno imponente dal punto di vista dell’allestimento, con la pandemia che ha costretto la produzione a mettere in piedi uno show più sobrio nello stesso studio che in queste settimane ha ospitato le puntate del talent (la Sky Wifi Arena, nell’area Expo a Milano - in sala 100 figuranti distanziati, tamponati e con mascherine), la finale di X Factor 14 non è stata però meno spettacolare di quelle delle ultime edizioni ospitate dal Forum di Assago gremito. Atmosfera delle grandi occasioni, tra effetti speciali, fuochi d’artificio e parata di ospiti: dai Negramaro e Madame (già vista in semifinale: voci vogliono la 18enne femcee veneta tra i big in gara a Sanremo 2021) agli Afterhours, passando per Lazza, Mara Sattei e dj Slait. In apertura il conduttore Alessandro Cattelan, costretto a saltare due puntate per essersi beccato il Covid, ricorda le difficoltà organizzative che hanno segnato questa edizione: «Questa è la storia di 780 persone che han potuto fare il loro lavoro, ma anche di 8 mila tamponi, 300 litri di disinfettante e più di 20 mila mascherine». 


I DUETTI
Poi si entra subito nel vivo della gara con i duetti tra i finalisti e i rispettivi coach: Manuel Agnelli suona - a petto nudo - con i Little Pieces of Marmelade Veleno degli Afterhours, Emma affianca Blind su La fine di Nesli, Mika canta con N.A.I.P. Lollipop, Hell Raton accompagna Casadilego su Stan di Eminem e Dido. È il pubblico a decidere, al termine di ciascuna manche, chi mandare avanti e il primo ad uscire è N.A.I.P. Sul gradino più basso del podio Blind. Secondi classificati, la rivelazione Little Pieces of Marmelade, promossi da Agnelli, spesso protagonista di accesi dibattiti con gli altri giudici per difendere le sue scelte controtendenza dopo aver affidato al gruppo brani di gruppi della scena alternativa poco noti al pubblico nazionalpopolare come Smashing Pumpkins e Verdena. «Volevo dimostrare che c’è una vita parallela ai tormentoni», ha spiegato alla vigilia della finale. 


Le polemiche dietro al bancone avranno finito, talvolta, per offuscare la gara (che presentava pure interessanti novità: per la prima volta i concorrenti hanno cantato i rispettivi inediti dalla prima puntata), ma hanno pure contribuito agli ascolti: è significativo che la puntata più vista delle ultime due stagioni, con 941 mila spettatori e share del 3,62%, sia stata quella segnata dallo sfogo dello stesso Agnelli per l’eliminazione dei suoi Melancholia. Doveva essere l’edizione del rilancio, dopo il flop del 2019 che aveva spinto la produzione a rinnovare il cast, con il ritorno dell’intransigente Agnelli e di Mika e i nuovi ingressi di Emma e di Hell Raton. Invece poco è cambiato: in attesa dei dati degli ascolti della finale, la media è pari al 3,34% di share contro il 3,31 dello scorso anno. 
Oggi escono gli Ep dei finalisti. Al di là del piazzamento della finale, parleranno le vendite. La vincitrice della scorsa edizione, Sofia Tornambene, è ancora alla ricerca del suo primo Disco d’oro. Con la sua “Cuore nero”, Blind ne ha già ha vinto uno: sembra un buon auspicio.
 

Ultimo aggiornamento: 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA