CATERINA BALIVO

Francesca Barra a Caterina Balivo: «Quando ho perso mio figlio mi sono sentita persa»

Giovedì 7 Novembre 2019
Francesca Barra a Caterina Balivo: «Con Claudio Santamaria non sono rose e fiori»

Francesca Barra si racconta a Vieni da Me. Nel salottino di Caterina Balivo, la giornalista parla della sua storia d'amore con Claudio Santamaria. Un amore che, a differenza di quanto si possa pensare, attraversa anche di momenti difficili: «La mia storia con Claudio Santamaria non è tutta rose e fiori - ha spiegato Francesca Barra -. Quando abbiamo deciso di scrivere insieme il libro "La giostra delle anime" ho capito che o ci lasciavamo o stavamo insieme per tutta la vita».

LEGGI ANCHE Storie Italiane, Francesca Barra e Claudio Santamaria: dalla lotta contro gli hater al dolore per il bambino perso
 


Barra e Santamaria si conoscono fin da bambini, ma solo una persona aveva capito che fra i due sarebbe stato amore. «Io e Claudio abbiamo ballato insieme il primo lento quando io avevo 11 anni e lui 16, che sognava di fare l’attore - ha raccontato la giornalista - lui era timido, ma il padre ci ha sempre creduto. Quest’uomo mi è sempre rimasto nel cuore al punto che quando incontravo Claudio a Roma, io gli chiedevo come stava il padre che, purtroppo, non ho mai rivisto da suocero».

Francesca Barra ha parlato anche dell'aborto del bambino che aspettava da Santamaria: «Per la prima volta mi sono sentita persa, fragile, io che sono sempre stata una leonessa, una guerriera. Sono crollata e non mi sono rialzata del tutto». La giornalista ha però trovato la forza di ricominciare: «Lo fai perché hai i tuoi figli, hai il lavoro, hai un grande amore però c’è questa ferita che è una cicatrice ed è stato un periodo nero».
 

 

Ultimo aggiornamento: 16:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma