Rai3, torna “Dottori in corsia-Ospedale pediatrico Bambino Gesù": parteciperà Federica Sciarelli

Venerdì 8 Novembre 2019
Federica Sciarelli
 Con una puntata speciale in onda sabato 16 novembre alle ore 21.45 su Rai3 prende il via la nuova edizione della docu-serie «Dottori in corsia - Ospedale Pediatrico Bambino Gesù», una serie di Simona Ercolani, prodotta da Stand by me in collaborazione con Rai Fiction. In questa nuova stagione la docu-serie vede la partecipazione straordinaria di Federica Sciarelli e racconta storie di eccellenza medica del passato e del presente.
Storie di piccoli pazienti, delle loro famiglie e dei professionisti che ruotano intorno a loro.

Federica Sciarelli guida il  racconto, intervistando i protagonisti e ripercorrendo con loro i momenti importanti nel viaggio verso la guarigione. La docu-serie porta sul piccolo schermo casi di alta e media complessità medica che nascono all'interno dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. dal momento del ricovero o dell'inizio della terapia fino alla dimissione. 

In questa edizione si narrano gli eventi che hanno animato e animano la vita dei reparti di oncologia, cardiologia, neonatologia, reumatologia, disturbi alimentari, neurologia, nefrologia, terapia intensiva e area rossa del pronto soccorso, seguendo il lavoro dei diversi staff medici e del personale sanitario e raccontando come la vita nelle corsie si intrecci in modo indissolubile con la storia delle famiglie che, ogni giorno, affrontano la sfida della malattia e del percorso di cura. Un'attenzione particolare, inoltre, verrà dedicata alle sfide della ricerca e ai nuovi protocolli di cura. L'Ospedale Bambino Gesù affiancherà alla messa in onda delle puntate un'attività di comunicazione online con l'obiettivo di fornire una corretta informazione agli utenti. Sul portale www.ospedalebambinogesu.it verranno pubblicati articoli e approfondimenti rispetto alle patologie affrontate in ogni puntata. I contenuti verranno anche condivisi attraverso i canali social dell'Ospedale. Hashtag ufficiale: #Dottoriincorsia. 

Federica Sciarelli ripercorre in questa prima puntata la storia di Alessandro Maria Montresor, conosciuto da tutti come «il piccolo Alex», un bimbo arrivato dall'Inghilterra nel reparto di oncoematologia dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù nell'inverno del 2018. I suoi genitori Paolo e Cristiana hanno deciso di raccontare per la prima volta la storia di loro figlio e di come sia stata salvata la sua vita dai medici e dal personale infermieristico del Bambino Gesù. La storia di Alex è arrivata dritta al cuore degli italiani e non solo.

Da tutto il mondo migliaia di persone sono scese in piazza per aiutarlo, rispondendo ad un appello lanciato sui social dal papà Paolo per cercare un donatore di midollo compatibile. Una catena incredibile di solidarietà che ha portato in tutto il mondo ad un aumento di iscrizioni nel registro dei donatori di midollo osseo. Ad Alex infatti a 16 mesi viene diagnosticata una malattia genetica rara: l'HLH, patologia che colpisce il sistema immunitario, la cui unica cura possibile è un trapianto di midollo. Purtroppo però nonostante le migliaia di donazioni nessuna risulta compatibile con il piccolo Alex. Per questo i medici ipotizzano un'altra disperata e pericolosa soluzione per salvargli la vita: tentare un trapianto di midollo con una persona che è compatibile parzialmente, cioè un genitore. In Europa l'unico centro che ha l'esperienza per tentare questa strada è proprio il reparto di oncoematologia del Bambino Gesù. Federica Sciarelli intervista la mamma Cristiana e i medici protagonisti ripercorrendo tutta la storia dalla diagnosi al trapianto di midollo fino all'esame più importante - quello dei 100 giorni - e l'emozionante ritorno a casa della famiglia che dopo più di un anno può lasciare l'ospedale e tornare a Londra.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma