Rai, totonomine: Antonio Di Bella verso il Tg1

Martedì 28 Gennaio 2020 di Mario Ajello
Rai, totonomine: Antonio Di Bella verso il Tg1

Prima conseguenza del voto emiliano-romagnolo: oggi l’ad della Rai, Fabrizio Salini, come chiedeva da tempo, viene ricevuto  dal ministro del Mef, Roberto Gualtieri, e quello non lo caccerà probabilmente. Gli dirà  in maniera felpata e educata e politicamente corretta ma netta che o obbedisce al Pd o verrà rimosso appena si può  e il modo per defenestrarlo si troverà. A spiegare bene l’incontro di oggi e in generale il processo che si è innescato è Salvini il quale mostra grand attenzione sulla Rai perché non vuole perdere il Tg2. “Se c'è un partito della maggioranza di governo che prende il 30% e un altro il 3%, immagino che in casa discuteranno. Non oso immaginare in Rai che cosa succederà e gli schiaffoni che voleranno tra Pd e M5s. Noi osserviamo da fuori". Così dice il capo leghista, che in realtà osserva dal di dentro. 

LEGGI ANCHE --> Sanremo 2020, in Rai allarme pubblicità, pressing su Salini. A rischio forfait anche Georgina

E dentro, al Settimo Piano di Viale Mazzini,  pare che già da domenica notte ci sia grande scoramento. La scommessa di Salini  - così dicono da quelle parti - è andata male. Perché in Emilia-Romagna non ha vinto Salvini, ma ha vinto il Pd. E il Pd è agguerritissimo. Non tanto per prendersi il Tg2, che considera riserva indiana sovranista, o per cacciare il presidente Foa, ma per prendersi il Tg1 - che non è mai stato di un partito, in questo caso M5S, inesistente al Nord e al Sud, come confermato dal voto emiliano e calabrese - e per riuscirci ogni manovra e ogni girandola va bene. Il Pd è tentato di chiedere  il cambio di tutti o quasi  i direttori di tiggi. Giuseppina Paterniti andrebbe dal Tg3 alla superdirezione degli Approfondimenti giornalistici  - posto cruciale perché da lì si controllano i talk show e non è poco in una stagione in cui si vota dappertutto e al Nazareno si dice: “E’ stata vicina ai 5 stelle ma sarà vicina soprattutto a noi non esistendo più i 5 stelle” -  e così la sua poltrona si libera per Mario Orfeo. Mentre al Tg1 andrebbe Antonio Di Bella da RaiNews, figura amata da dem ma non divisiva è antipatica a tutti gli altri, e al suo posto Giuseppe Carboni dal Tg1. Si può fare? Dalle parti del Nazareno, e di Renzi, vorrebbero proprio farlo e assai.
 

Ultimo aggiornamento: 10:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua