Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stefano De Martino a Domenica in: «Avere un altro figlio? È una cosa che non escludo»

Stefano di Martino da Mara Venier: «La mia famiglia mi ha ostacolato nella danza, ma mi hanno insegnato a seguire i miei sogni»
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Marzo 2022, 15:14 - Ultimo aggiornamento: 15:26

 «L'amore per i figli, chi ce li ha lo sà è un amore imprescindibile. Quando diventi padre capisci quanto ti hanno amato i tuoi genitori e quanto poco si ricambia l'amore dei genitori è una cosa inspiegabile. Oggi non riesco a immaginare la vita senza mio figlio» ha raccontato Stefano De Martino al salotto di Domenica In intervistato a Mara Venier.

Poi quando la conduttrice gli domanda se si sente pronto a diventare papà nuovamente risponde con una battuta: "avendo già un bambino così grande, avendo costruito un rapporto così intimo tra me e lui, a volte mi dispiacerebbe avere un altro figlio. Ma non lo escludo, ho iniziato così presto!". 

 «Mio padre mi ha ostacolato ma solo per insegnarmi ad essere più determinato»

 «I miei genitori non volevano che io facessi danza, perchè sapevano che era difficile vivere di questo mestiere. Ma così mi hanno reso ancora più determinato a seguire il mio sogno». Stefano De Martino durante l'intervista con  Mara Venier a Domenica In ha parlato anche dei suoi primi passi nel mondo della danza, i rapporti con la famiglia e con il padre, ballerino di danza classica. "Quando andavo a vedere mio padre esibirsi, ballavo negli spalti tra le poltrone" racconta De Martino "mio padre ha cercato in tutti i modi di dirmi che era un mestiere difficile, un percorso pieno di ostacoli. Quando mi ha visto così determinato, perchè io anche crescendo negli anni continuavo a portare avanti la mia passione non ha potuto che dirmi figlio mio, vai. E io sono andato". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA