Stefano De Martino, il monologo a Le Iene conquista: «Essere normali è bello». Ma i fan restano “delusi”: «Niente su Belen?»

In molti si aspettavano che la partecipazione dell'ex ballerino all'ultima puntata dello show di Italia 1 fosse l'occasione per ufficializzare la relazione con Belen Rodriguez, ma così non è stato

Il monologo di Stefano De Martino conquista a Le Iene: la reazione di Belen Rodriguez
5 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 10:44 - Ultimo aggiornamento: 10:45

«Ho visto Stefano De Martino dietro le quinte con la cravattina, vestito da Iena. Perché non entra? Ha paura? Vieni Stefanino. Ha paura perché è il terzo incomodo. Lo rovino, ti giuro». Con la sua ironia ieri Teo Mammucari ha introdotto l'artista napoletano ospite all'ultima puntata de Le Iene stuzzicando Belen Rodriguez che non è stata in silenzio: «Sta per arrivare. Ma terzo incomodo di cosa, Teo ma ti sei rin**glionito?». Ebbene si dopo il riavvicinamento tra l'argentina e il ballerino (ormai vero showman) ieri il pubblico era in attesa della prima apparizione pubblica di coppia dopo l'ennesimo ritorno di fiamma (ancora non ufficiale), ma così non è stato. I telespettatori si aspettavano di vederli insieme invece i due non si sono neanche incontrati, almeno sul palcoscenico. Belen e Stefano si sono visti dietro le quinte ed è stata la showgirl a mostrare il papà di Santiago nelle sue storie Instagram. 

Belen e De Martino, la confessione dell'amica: «Stefano chiederà alla Rodriguez di sposarlo (di nuovo)». Le indiscrezioni

Le Iene il monologo di De Martino conquista tutti

De Martino è entrato poco dopo le 23 annunciato dalla compagna: «Una persona che conosco abbastanza bene, la condivido anche con voi», ma non era lì per ufficializzare la ritrovata love story con Belen ma Stefano è salito sul palco de Le Iene per un monologo in cui ha tentato di evidenziare come modelli irraggiungibili di bellezza, ricchezza e fama, portino a sviluppare una sensazione di frustrazione e ansia. Tutti dovrebbero imparare a dare valore alla normalità. Solo così, secondo il ballerino, è possibile raggiungere finalmente una felicità durevole e autentica. 

 

Il discorso del ballerino

«Oggi, chi si esprime in pubblico è necessariamente chiamato a fare qualcosa di speciale, unico, irripetibile. Ma in fondo, perché? Viviamo nella “Fiera del Superlativo”: gli ospiti sono sempre straordinari, gli show sono sempre sensazionali, le modelle sono sempre “Top”, i libri sono sempre “Best” sellers, le notizie sono sempre shock! Anche dire un semplice “Sì” o un semplice “No” è diventato “Assolutamente Sì” e “Assolutamente No”.In questi reiterati eccessi in larga scala, si creano modelli di bellezza, fama e ricchezza non raggiungibili. E questo può portare ad ansia e frustrazione per quelli che ambirebbero ai traguardi proposti dai media e dai social a cui non potranno mai arrivare. Però c’è un antidoto all’inflazione dei superlativi, ed è la grammatica. Seguitemi: la grammatica distingue il superlativo in due tipi. C'è il superlativo assoluto: bellissimo, ricchissimo, famosissimo. Però questo superlativo assoluto è un dittatore, non accetta nessun confronto. È dispotico. E pure un po’ antipatico, e ci mette sotto stress. A me sta simpatico, invece, il superlativo relativo. Il superlativo relativo è democratico. Perché, al posto di dire “ricchissimo, bellissimo, famosissimo”, lui dice: “il più bello, il più ricco, il più famoso”, si mette in relazione. Accetta i termini di paragone. È uno di noi. Quindi, se tu, con il superlativo assoluto, devi essere “bellissimo” punto e basta, con il superlativo relativo, potrai essere “il più bello” in un ambito a tua misura: il papà più bello per tuo figlio, il più ricco di attenzioni per chi ami, il più famoso dopo il calcetto con gli amici. L’ordinarietà è importante! Senza di essa, senza un termine di paragone, lo straordinario non potrebbe esistere. Essere normali è bello. E spesso ti fa guadagnare l’amicizia, il rispetto e l’amore di quelli che stanno attorno a te. E comunque, non crediate che sia così facile: lo diceva anche Lucio Dalla: l’impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale. Ognuno a modo suo»

La reazione di Belen

Dopo De Martino è stato il turno di Eleazaro Rossi in cui si chiedeva cosa potesse mai avere meno dello stesso Stefano. Su questo punto ha giocato anche Mammucari al termine dei monologhi e si è divertito a punzecchiare Belen su De Martino. Teo ha chiesto direttamente alla conduttrice cos’ha Stefano più degli altri. La Rodriguez se l’è cavata così: «Eeeehh… è molto simpatico!».

Belen e De Martino: «Sì, stiamo insieme. Ma tra poco ci rilasceremo e lui andrà con altre donne»

I fan delusi

Un monologo quello di De Martino che ha convinto ma il pubblico è "deluso", molti si aspettavano l'ufficializzazione dell'amore con Belen, e invece nulla. «Ma quindi mi state dicendo che Stefano De Martino non è alle Iene per ufficializzare finalmente il ritorno di fiamma con Belén in diretta nazionale?! Io nerah»

© RIPRODUZIONE RISERVATA