Stasera in tv, oggi lunedì 18 ottobre su Rai 2 «Sposami, stupido»: curiosità e trama del film con Tarek Boudali

Stasera in tv, oggi lunedì 18 ottobre su Rai 2 «Sposami, stupido»: curiosità e trama del film con Tarek Boudali
3 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Ottobre 2021, 17:48 - Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre, 15:04

Stasera in tv, lunedì 18 ottobre, andrà in onda su Rai 2 alle 22:30 il film «Sposami, stupido» del 2017. Opera prima del regista e attore francese Tarek Boudali. Tra i protagonisti oltre allo stesso Boudali, Charlotte Gabris e Philippe Lacheau.

Uomini e Donne, Gemma lascia il programma? Parteciperà a un reality: ecco quale

La trama

Yassine, interpretato da Tarek Boudali, è un ragazzo marocchino che studia architettura a Parigi. Il giorno dell'esame decisivo non sente la sveglia e arriva troppo tardi. Costretto a rientrare in patria, ricorre all'unico modo possibile per ottenere la cittadinanza francese: il matrimonio... con il suo migliore amico Fred (Philippe Lacheau)! Ma non sarà tutto così semplice: il diffidente ispettore Dussart, intenzionato ad andare a fondo alla faccenda, inizierà ad indagare sui due amici per verificare che le nozze siano reali e non si tratti di un matrimonio truffa.

Squid Game, scoperta l'isola dove è stata girata la serie tv: ecco dove si trova

Curiosità

Il film ha ricevuto molte critiche dalla comunità Lgbt francese che lo ha accusato di voler cavalcare vecchi stereotipi, come il fatto che i gay pensino sempre al sesso oppure siano effeminati. Il gruppo Act Up ha incollato sui manifesti del film una striscia con scritto: «Film certificato omofobo». Il presidente di Sos Homophobie, Joel Deumier, ha detto che «quasi tutte le battute del film tendono a cavalcare gli stereotipi sugli omosessuali». Il regista, Tarek Boudali, si è difeso da tali accuse dicendo che non ha «mai voluto ferire nessuna comunità e nessun omosessuale, il mio umorismo è fatto per accogliere, non per dividere».

Stefania Sandrelli a Verissimo: «Io violentata dal fidanzato della mia amica. Mi stava aspettando per portarmi a casa»

© RIPRODUZIONE RISERVATA