Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stasera in tv, oggi lunedì 25 aprile su Tv 2000 «Roma città aperta», film cult del neorealismo con Anna Magnani

Stasera in tv, oggi lunedì 25 aprile su Tv 2000 alle 20:55 «Roma città aperta», film cult del neorealismo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Aprile 2022, 11:06

Stasera in tv 25 aprile 2022 su Tv 2000 alle 20:55 andrà in onda «Roma città aperta» film di neorealista del 1946 diretto da Roberto Rossellini con Anna Magnani.

Trama 

Nella Roma del 1943-44, occupata dai nazifascisti, la lotta, le sofferenze, i sacrifici della gente sono raccontati attraverso le vicende di una popolana, di un sacerdote e di un ingegnere comunista. Girato tra difficoltà economiche e organizzative, il film impose in tutto il mondo una visione e rappresentazione delle cose vera e nuova, cui la critica avrebbe dato poco più tardi il nome di neorealismo. 

Ezio Greggio: «Ho aiutato a portare malati ucraini in Italia. La guerra? Sorridere dà speranza»

Curiosità 

Palma d'Oro al Festival di Cannes 1946, Nastro d'argento per la migliore interpretazione femminile (Magnani) e per il miglior film e una nomination agli Oscar per la miglior sceneggiatura originale, "Roma città aperta" è considerato il simbolo del neorealismo.

Per il personaggio di Pina si pensò inizialmente a Clara Calamai, solo in seguito ad Anna Magnani, per la quale soggetto e sceneggiatura cambiano più volte anche durante le riprese.

In un primo momento il titolo del film doveva essere Storie di ieri. Poi nel febbraio 1945 il titolo diventa Città aperta, senza Roma, mentre due mesi dopo assume quello quasi definitivo di Roma, città aperta con la virgola. 

La famosa sequenza dell’uccisione di Pina, stroncata mentre sta correndo dietro al camion dove hanno caricato il suo promesso sposo, è ispirata ad una vera scenata di Anna Magnani, che un giorno si lanciò all’inseguimento dell’auto del suo compagno di allora, Massimo Serato. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA