Sanremo 2021, oggi parte il Festival: Ibrahimovic con Amadeus e Fiorello. I big sul palco nella prima serata

Sanremo 2021, oggi parte il Festival: Ibrahimovic con Amadeus e Fiorello. I big sul palco nella prima serata
di Federico Vacalebre
4 Minuti di Lettura
Martedì 2 Marzo 2021, 07:09 - Ultimo aggiornamento: 14:10

Più o meno, la ricetta del Sanremo 71, anzi 70+1, è chiara: da una parte i giovanotti in gara dall'altra l'amarcord. In mezzo, ormai coppia di fatto (il conduttore: «Senza Rosario non vado da nessuna parte», Fiore: «Ama ha degli attributi degni del cavallo di via Mazzini, sai quante volte l'ho visto nudo»), la coppia Amadeus-Fiorello, così amici da colmare il fossato che apparentemente li separa, da trovare un ponte tra la normalità del primo e l'estrosità del secondo. Stasera si inizia con i primi 13 big e i primi 4 giovani: gli spettatori entrati negli anta faticheranno a comprendere le differenze tra Fasma e Avincola, i Coma_Cose e Gaudiano, ma i ragazzi ritroveranno tra i Campioni i suoni della loro generazione. E scopriranno, serata dopo serata, le canzoni dei genitori e dei nonni.

Sanremo per l'ambiente, una playlist tutta green


OSPITI

Già perché stasera c'è Loredana Berté (con un medley di successi e il nuovo singolo) oltre a Diodato (che apre con «Fai rumore»), mentre domani arrivano innanzitutto Laura «globo d'oro» Pausini, e poi Fausto Leali, Marcella e Gigliola Cinquetti, a rileggere i loro exploit festivalieri (da Mi manchi a Montagne verdi e Non ho l'età), oltre a Enzo Avitabile per l'omaggio con Fiore a Carosone, a Gigi D'Alessio e i suoi trapper veraci. E il 4 marzo, peraltro serata nostalgica delle cover, si apre con i Negramaro che rendono omaggio a Lucio Dalla nel cinquantenario di 4/3/1943.


TRIBUTI

E, ancora, ci saranno la Amoroso, Emma, Mahmood sino al gran finale di sabato con la Vanoni. Ma da lei si passerà a Nada con Tecla Insolia - l'anno scorso in gara con i Giovani e ora protagonista del film tv, sempre di Rai1, sulla voce di Ma che freddo fa» - e Umberto Tozzi, che lancerà una raccolta fondi per la sua band, fermata dal Coronavirus. Quasi a dire che la gara ormai è riservata alla musica che ci gira intorno, quella che si posta, che si streama, che si tiktokka, ma che poi si trova comunque un modo per conservare anche il pubblico più tradizionalista, adulto, anziano.


Edizione autarchica, viste le frontiere chiuse e la pandemia che - oltre a mille precauzioni sanitarie e l'Ariston vuoto - suggerisce risparmi ed economie di scala. Edizione con due uomini soli al comando, ma con tante donne: stasera Matilda De Angelis, anche cantante, e Alessia Bonari, l'infermiera che una foto ha trasformato in un simbolo della lotta al virus; domani Elodie, non solo cantante; mercoledì la top model Vittoria Ceretti; venerdì Barbara Palombelli e la sexy direttrice d'orchestra Beatrice Venezi; sabato Serena Rossi, Simona Ventura e Giovanna Botteri.


Battitori liberi, per creare un po' di scompiglio, per sollevare qualche polemica, tutte le sere, l'infortunato Zlatan Ibrahimovic, che tra l'altro sembra intenzionato a massacrare, con Sinisa Mihajlovic per degno complice, Io vagabondo dei Nomadi, e Achille Lauro, che annuncia, come una vedette di un tempo, cinque quadri, con complici di ogni tipo: il primo ballerino dell'Opera di Roma Giacomo Castellana, Emma Marrone e Monica Guerritore, Rosario Fiorello, Claudio Santamaria e Francesca Barra (Bam bam twist per loro).
Lady Gaga non ci sarà, non è bastato a convincerla nemmeno che «Amadeus facesse rapire i suoi cani», come scherza Fiorello. «Senza platea ho cambiato programma, senza possibilità di avere risposte alle mie battute ho aggiunto l'omaggio a Carosone e sarò in un quadro di Achille Lauro. Sappiamo che questo Festival sarà indimenticabile, quindi sono onorato di esserci. Tutto quello che sta succedendo qui va bene. I problemi sono altri e speriamo si risolvano presto. Noi ci metteremo d'impegno per regalare cinque serate spensierate».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA