SANREMO 2020

Amadeus: «Frasi sessiste sulla fidanzata di Valentino Rossi? Io frainteso, mi dispiace»

Giovedì 16 Gennaio 2020
2
​Sanremo, Amadeus: «Frasi sessiste? Io frainteso, mi dispiace»

Subito una gaffe a Sanremo 2020. «Mi dispiace che sia stata interpretata malevolmente la mia frase, sono stato frainteso». Amadeus all'agenzia Ansa prova a gettare acqua sul fuoco della polemica sollevata dalle parole che ha rivolto - durante la conferenza stampa di Sanremo - a Francesca Sofia Novello, fidanzata di Valentino Rossi, una delle donne che condivideranno con lui il palco. Presentandola ha detto di «averla scelta per la bellezza, ma anche per la capacità di stare accanto a un grande uomo, stando un passo indietro». Affermazioni che hanno incendiato i social, con il moltiplicarsi di accuse di superficialità e di sessismo. «Quel 'passo indietrò - spiega Amadeus - si riferiva alla scelta di Francesca di stare fuori da riflettori che inevitabilmente sono puntati su un campione come Valentino».

LEGGI ANCHE --> Elisabetta Gregoraci attacca Nicola Savino: «Non mi ha voluto a Sanremo». Tutto vero?

E ancora. «Un'altra ragazza avrebbe forse potuto 'cavalcare' tanta popolarità e invece Francesca ha scelto di essere più discreta, di rimanere più defilata», aggiunge Amadeus all'Ansa. «Tra l'altro Francesca stessa mi ha ringraziato, dicendomi che è proprio così: 'Ama, sembra che tu mi conosca da annì. Anche lei è rimasta stupita della polemica». Peraltro, sottolinea, «avrei detto lo stesso anche del compagno di una donna famosa». Ma Sanremo «è anche questo: ho imparato che bisogna stare attenti a ogni parola». Il direttore artistico rivendica «sensibilità e rispetto per le donne come possono testimoniare mia moglie, mia madre e mia figlia».

In generale, aggiunge, «ho sempre avuto grande attenzione per i temi femminili: non a caso ho voluto sul palco tante donne diverse, con storie, ruoli, mestieri, esperienze diversi». Nessun ritorno alle 'vallette', ruolo che il festival ha archiviato da anni: «Ognuna di loro - assicura il direttore artistico, che tra l'altro è testimonial per la lotta contro la sclerosi multipla - porterà sul palco la sua sensibilità, ci saranno momenti di svago, di divertimento, di musica, di leggerezza, ma anche spunti di riflessione sui temi sociali». Su tutti, la violenza sulle donne, che sul palco non coinvolgerà soltanto - come annunciato - Rula Jebreal: «Ci sarà spazio anche per testimonianze di persone comuni: ho invitato Gessica Notaro (la showgirl riminese sfregiata dall'acido nel 2017 dall'ex fidanzato Edson Tavares) e ci sono buone probabilità che venga».

Sanremo 2020, la senatrice del Pd

«Abbiamo assistito a uno spettacolo indecente. È già altamente discutibile che, nel 2020, la conduzione del Festival di Sanremo continui a prevedere la formula del presentatore uomo attorniato da giovani donne con il ruolo esclusivo di »vallette«: che tutto questo venga accompagnato, in conferenza stampa, da osservazioni sessiste, è davvero inaccettabile». Lo afferma Monica Cirinnà, senatrice del Pd. «Una donna - prosegue - può essere definita e lodata, ancora, solo per la sua bellezza, o per l'uomo con cui condivide la vita, o peggio ancora per la sua remissività nel »fare un passo indietro« di fronte al successo del compagno? Il servizio pubblico ha il preciso dovere di garantire che il linguaggio pubblico - e la sostanza delle cose - siano rispettosi della parità di genere. Chiedo all'Ad della Rai Salini di tutelare le professioniste che ha ingaggiato, donne brave e preparate, con un valore autonomo e proprio. Salini, che non governa la Rai, governi almeno un conduttore - anche se di punta e ben rappresentato - prendendo le distanze da queste affermazioni così gravi. Mi piacerebbe sapere anche cosa ne pensa Lucio Presta che cura professionalmente gli interessi di Amadeus».
 

Ultimo aggiornamento: 19:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma