Sanremo a casa del cantautore Bungaro

Giovedì 7 Febbraio 2019 di Lucilla Quaglia​

Perché Sanremo è Sanremo. E anche quest’anno non si può restare immuni dai commenti sulle mise, le canzoni, la conduzione, i personaggi. Nessuno escluso. Nemmeno la Capitale e i suoi vip, che fin dalla prima giornata chiamano a raccolta familiari e amici per analizzare assieme le note nazional-popolari. Uno dei gruppi di ascolto più tecnico è sicuramente quello riunito a casa del cantautore Bungaro, sulla Flaminia: arrivano il fratello Max Calò, compositore di colonne sonore, il produttore Tullio Mattone, la press agent Desirèe Colapietro Petrini e le cantanti Jennifer Milan e Rakele: autrice del pezzo sanremese di Francesco Renga, “Aspetto che torni”, insieme all’interprete, Bungaro e Cesare Chiodo. Risate e selfie in attesa di venerdì, quando il padrone di casa canterà con Renga e l’esibizione sarà impreziosita dalla coreografia delle étoile Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel. Un altro punto glam ieri sera all’Aurelio, nel panoramico appartamento di Patrizia Mirigliani. Raggiungono il buen retiro della patron del celebre concorso di bellezza Vincenzo Bocciarelli e Fioretta Mari, Livia Azzariti e la bella Fiorenza D’Antonio, seconda a Miss Italia 2018.
 

 

Dinner a base di risotto ai petali di rose in onore della Città dei Fiori. Tra gli spettatori casalinghi Marco Giallini e famiglia, Nancy Brilli, Giovanni Veronesi, a Monteverde con amici, e poi le attrici Valentina Ghetti, Martina Menichini e Enrica Guidi nel cast dei “Delitti del BarLume”. Molto coinvolta Francesca Valtorta: «È un programma storico. Da seguire i gruppi indipendenti, sebbene non tutti si meritavano di essere lì. Gli Ex-Otago sono bravi. L’unica rock star è la Bertè, assolutamente credibile in ogni occasione». «Baglioni è da sempre il mio idolo», ribatte Emanuela Tittocchia dal suo salotto capitolino. «Molto bella la canzone di Simone Cristicchi “Abbi cura di me” – aggiunge Lino Banfi – che mi ha ricordato “Signor tenente” di Giorgio Faletti: gli altri brani non li ho capiti». E ancora Vittorio Cecchi Gori, intento a seguire la kermesse canora con il press agent Emilio Sturla Furnò e Fanny Cadeo, nel salone della residenza romana. «E’ importante vedere il festival per capire gli italiani e i loro gusti - commenta il produttore – mi è piaciuto l’intervento di Pierfrancesco Favino. La musica è importante per il cinema». E oggi si prosegue. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La “cantera” di Colle Oppio e la culla della destra romana

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma