Sanremo 2019, Raf-Tozzi e Venditti: riecco gli anni '80. Vanoni «aggratis» batte tutti

Venerdì 8 Febbraio 2019 di Veronica Cursi
1

Cosa resterà degli anni '80? Tutto.  Almeno a giudicare l'effetto che big storici come Venditti, Raf e Tozzi hanno avuto nella terza serata del Festival di Sanremo. Venditti con il suo "Sotto il segno dei Pesci" e l'intramontabile "Notte prima deghli esami" in un duetto - a dire il vero - non proprio riuscitissimo con Baglioni. Ma soprattutto "la vecchia guardia" Raf e Tozzi che hanno fatto cantare e ballare tutto il pubblico in sala e  a casa  con un medley strepitoso.

GLI ASCOLTI  La terza serata del Festival di Sanremo è stata seguita da 9.409.000 telespettatori con il 46,7% di share. Il festival torna a registrare dunque una flessione rispetto all'edizione record dello scorso anno quando la terza serata ottenne una media di 10.825.000 telespettatori con il 51,6% di share.

La classifica della terza serata: in testa Cristicchi e Mahmood, tra gli ultimi Patty Pravo

Davvero emozionante il ricordo di Serena Rossi di un'altra grande artista del passato: Mia Martini.
"Almeno tu nell'universo" torna  trent'anni dopo di nuovo sul palco dell'Ariston. «Se pensavo a lei prima di conoscerla - ha detto l'attrice, che dà il volto all'artista nella fiction Io sono Mia, in onda il 12 febbraio su Rai1 - pensavo a un'ingiustizia, a una violenza, a una discriminazione. E invece era una grandissima artista, una grande donna. Stasera vorrei chiederle veramente scusa per tutto quello che le hanno fatto. Questo film è un atto d'amore per lei, per te Mimì!»
 

 

E poi la serata è valsa solo per lo sketch di Ornella Vanoni, 84 anni suonati, con la sua ormai imitatrice ufficiale Virginia Raffaele. Autoironia, simpatia e vitalità. Ha fatto più ridere lei in 10 minuti che la Raffaele in 3 puntate. Anche se lo sappiamo Virginia è straordinaria ma non ha trovato lo spazio giusto. La Vanoni fa impazzire anche i social: «Momento migliore di questa edizione», «un festival di vecchi, poi è arrivata la Vanoni», «Ornella, illuminaci la strada», «una carezza meravigliosa, invidiabile», è l'applauso su Twitter.
 


«Mi hai rovinato la vita facendomi passare per una rimbambita, una rincoglionita, una maniaca sessuale... Recedi, stai zitta! Quando sei andata da Carlo Conti a fare la mia imitazione, ho passato un anno di inferno! Tutti i tassisti mi chiedevano se fossi stata a Sanremo, sono andata in crisi di identità», dice la Vanoni ed è un fiume in piena.Poi si sporge per leggere a fatica il gobbo da lontano, va a salutare l'amica Patty («a una certa età, si può fare quello che si vuole») e lancia infine un avvertimento alla Rai: «Sono venuta aggratis: che non diventi un'abitudine!». Strepitosa.
Bisio-Raffaele? Non funzionano. Ormai è una certezza. Ci provano ma i loro stacchetti gelano il pubblico. L'omaggio  a Sergio Endrigo con la sua Ci vuole un fiore è forzato. E Ii popolo di Twitter non apprezza l'ironia della gag: «Ma questi siparietti uno si aspetta che facciano ridere da un momento all'altro, ma sto momento non arriva mai».

distruttore artistico» del Festival, poi debutta all'Ariston come ospite con 'Andiamo a comandarè: dopo aver condotto Sanremo Giovani insieme a Pippo Baudo, Fabio Rovazzi 'profanà il palco ed assiste alle dimissioni ironiche del direttore d'orchestra che dice di avere toccato il punto più basso della sua carriera. «Troppo ignorante?», si chiede poi Rovazzi. Prova allora a recitare il testo delle altre sue hit, da 'Tutto molto interessantè a 'Volarè, facendone un mash-up, accompagnato da un violinista, prima di lanciarsi in una scatenata versione dell'ultimo tormentone 'Faccio quello che vogliò con la complicità vocale di Claudio Baglioni e l'incursione a sorpresa di Fausto Leali. Infine un momento serio e commovente: un saluto al padre, che non vede da un pò di anni. «Caro Papà... - dice - Non so come contattarti ma Sanremo ha uno share così alto che molto probabilmente arriva fino a lassù. Beh volevo dirti che, in parte, tutto questo è anche colpa tua. E volevo salutarti, visto che l'ultima volta non ho fatto in tempo», conclude.

Una ventata di modernità arriva con Rovazzi, ospite per richiamare il pubblico giovanile: Intona "Faccio quello che voglio" con Baglioni  e Fausto Leali trasforma il palcoscenico in una disco sui suoi hit. Poteva inventare qualcosa di più inaspettato. 

 

Ultimo aggiornamento: 12:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma