Il Volo terzo, volano insulti in sala stampa: «Merde, vaff...». I cantanti insorgono: «Bullismo»

Lunedì 11 Febbraio 2019 di Veronica Cursi
2
Il Volo terzo, volano insulti in sala stampa: «Merde, vaff...». I cantanti insorgono: «Bullismo»

Non solo le polemiche per la vittoria di Mahmood. Gli insulti di Ultimo contro i giornalisti in sala stampa e sui social. Le critiche sul sistema di voto. Sanremo 2019 rischia di essere ricordato più per le polemiche che per le canzoni in gara. L'ultima sta facendo il giro del web in queste ore. Claudio Bisio annuncia il terzo posto de Il Volo durante la serata finale di Sanremo 2019 e la sala stampa esulta. No anzi fa di peggio. Alcuni giornalisti applaudono al verdetto e imprecano: «Merde, vaff...». Il video pubblicato da Francesco Facchinetti, in una storia su Instagram, scatena le polemiche. Ed è bufera.ù

Sanremo 2019, Ultimo insulta i giornalisti: «Vi sentite importanti e rompete il ca...»

Sanremo 2019, il presidente della Rai: «Il sistema di voto va cambiato»

Il Volo reagisce: è bullismo. «Alcuni giornalisti (ed è bene dire che solo alcuni) ci hanno pesantemente insultato. Hanno usato parole come "merde", "vaffanculo", "in galera". Le consideriamo una vera e propria forma di bullismo, di sfottò da stadio»: lo dicono all'ANSA Barone, Boschetto e Ginoble de Il Volo. «Queste persone non hanno portato gloria all'ordine che rappresentano. Il loro atteggiamento è stato un insulto, prima che a noi, a tutti i colleghi giornalisti che svolgono il proprio lavoro in maniera seria e professionale».
 

Il racconto di Facchinetti. L'ex capitan Uncino, oggi manager di alcuni cantanti tra cui Irama che partecipava proprio al Festival di Sanremo, lancia la bomba sui social: «La storia che avete appena visto l'ho scaricata da Instagram - spiega - Alcuni giornalisti hanno deciso di gridare «merde fate schifo», ai tre ragazzi de Il Volo.  Queste persone sono idioti incompetenti che dovrebbero essere radiati dall'Ordine. E a loro voglio dire una frase che trovate all'interno dell'Uomo Ragno: Da un grande potere deriva una grande responsabilità, perché essere giornalista è un grande potere. E anche se il vostro giudizio poteva essere negativo gridare insulti in sala stampa in un posto così importante  è qualcosa di orribile. 

«In tanti di voi  - continua Facchinetti - mi scrivono "non hai paura dei giornalisti?" Non ho mai avuto aiuto da parte di nessun giornalista. Pochi sono stati dalla mia parte nella mia carriera, quando poi ho venduto 2 milioni di copie improvvisamente mi leccavano il culo per poi ridistruggermi quando le cose sono andate di nuovo male. Ho sempre detto quello che penso e continuerò a farlo. E spero che qualcuno prenda provvedimenti».

Inviato al Festival di Sanremo 2019 per Vieni da me, Francesco Facchinetti commenta anche le polemiche che hanno travolto Ultimo. «È stato durissimo con i giornalisti. C’era un’aria molto tesa. Mi dispiace per lui, bisognava consigliarlo meglio. Capisco che non tutte le persone sono abituate a pressioni del genere». E quindi gli manda un consiglio: «Fregatene, vai oltre. Hai la fortuna di fare un mestiere che ti piace. L’unico limite sei tu, quindi vai oltre».

Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio, 16:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma