Realiti, procura di Catania apre inchiesta su puntata Falcone e Borsellino

Martedì 11 Giugno 2019

La Procura di Catania ha aperto una inchiesta, al momento senza indagati, sull'ultima puntata della trasmissione Realiti, andata in onda su Rai 2. Titolare del fascicolo é il procuratore aggiunto Carmelo Petralia, che ha delegato le indagini alla Polizia Postale di Catania, che dovrà acquisire i video della trasmissione. Al centro dell'inchiesta le dichiarazioni di due cantanti neomelodici: Leonardo Zappalà, presente in studio, e Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Pillera, sui giudici Falcone e Borsellino.

L'inchiesta riguarda, oltre che le dichiarazioni rese durante la trasmissione condotta da Enrico Lucci, anche eventuali rapporti con ambienti criminali locali. All'attenzione della Procura anche i contatti tra Niko Pandetta e suo zio, il boss ergastolano Salvatore CAPPELLO (e non Pillera come precedentemente detto).

«Falcone e Borsellino uccisi? Hanno fatto una scelta», bufera Rai su Realiti

Istruttoria Rai. Lucci: «Ho sempre condannato la mafia». L'ad Salini si scusa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Quelli che vogliono tutelare i piloni della Tangenziale

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma