Rai, l'intervista ad Assad di Monica Maggioni finisce su RaiPlay: «Disponibile on line»

Lunedì 9 Dicembre 2019
Rai, l'intervista ad Assad di Monica Maggioni finisce su RaiPlay: «Disponibile dalle 21»
Va su Rai Play, subito dopo la messa in onda sui media siriani in prima serata, l'intervista dell'ad di Rai Com Monica Maggioni al presidente siriano Bashar al Assad realizzata il 26 novembre, rimasta finora nel cassetto e finita al centro di un caso internazionale. È questa la mediazione trovata a Viale Mazzini dopo l'ultimatum di qualche giorno fa di Damasco che aveva parlato di mancato rispetto degli accordi sulla trasmissione in contemporanea: la scelta della piattaforma streaming consente di rispettare la volontà dei direttori interpellati di non mandare in onda il colloquio e insieme di diffondere un documento destinato in poche ore a fare il giro del web.

Ma la polemica continua: l'agenzia di stato siriana Sana ribadisce che la trasmissione da parte di RaiNews 24 era attesa per il 2 dicembre ma che poi l'intervista «non è stata messa in onda dalla tv italiana per ragioni incomprensibili». Pur informato dalla Maggioni, già direttore di Rainews 24 e presidente Rai, del viaggio in Medio Oriente e della possibilità di realizzare un'intervista ad Assad, l'ad della Rai Fabrizio Salini ha precisato ieri che l'intervista non era stata commissionata da alcuna testata e quindi non era stata concordata a priori una data di messa in onda.

In particolare, l'intervista è stata proposta al direttore di Rainews 24, Antonio Di Bella, che ha chiesto di visionarla salvo poi frenare - d'intesa con Salini - in considerazione della genesi anomala di tutta la vicenda e di contenuti ritenuti non adatti a una rete all news, dal momento che ribadivano posizioni già note di Assad su diverse questioni di attualità. Una valutazione condivisa anche da altre testate della Rai alle quali sarebbe stata proposta la messa in onda. Gli europei «sostengono il terrorismo» in Siria e per questo devono fare i conti «con i rifugiati», ha detto tra l'altro Assad nell'intervista. «Chi ha creato questo problema? Perché avete i rifugiati in Europa? È una domanda semplice: per il terrorismo sostenuto dall'Europa - e ovviamente da Usa e Turchia - ma l'Europa è stato il protagonista principale nel creare il caos in Siria».

E ancora: «L'Ue ha sostenuto i terroristi in Siria dal primo giorno. Hanno accusato il governo siriano, e alcuni come la Francia hanno inviato armi. Loro hanno creato il caos». Il presidente siriano ha poi ribadito di non avere nulla a che fare con le armi chimiche, che le sue truppe non le hanno mai usate e che il rapporto dell'Opac in cui si accusa Damasco «è stato fabbricato solo ed esclusivamente perché lo chiedevano gli americani». Al di là delle tensioni internazionali, il caso ha creato non pochi imbarazzi anche in Rai, con il presidente Marcello Foa che ha fatto trapelare una forte irritazione per essere stato tenuto all'oscuro di tutto e la richiesta pressante di chiarimenti. Spiegazioni invocate con forza anche dall'Usigrai, che ha chiesto lumi sull'intera catena delle responsabilità.

A quanto si apprende, la vicenda sarebbe stata oggetto nel pomeriggio di un vivace confronto tra Salini, Maggioni e Di Bella. Continua intanto anche la polemica politica: se dalla Lega Massimiliano Capitanio annuncia un'interrogazione in Vigilanza per conoscere i dettagli della vicenda («com'è stata organizzata, quali costi ha sostenuto l'azienda, la data precisa di quando l'amministratore delegato è stato informato del servizio e quale decisione abbia preso e, soprattutto, perché non è andata in onda»), dal fronte opposto il senatore pentastellato Alberto Airola invita piuttosto la Maggioni a «spiegare il suo operato visto che, con il ruolo che ricopre, ha commesso decisamente una leggerezza creando imbarazzo, discredito e addirittura un incidente diplomatico». A sollevare la questione in Vigilanza è anche Maurizio Gasparri (Forza Italia? che definisce l'ad «il responsabile unico di questa vicenda sconcertante».


Monica Maggioni, polemica per l'intervista ad Assad. La Rai: «Non è mai stata concordata»
Ultimo aggiornamento: 21:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani