Povia: «Amo le pulizie, sono un gay mancato». Gelo Caterina Balivo a Vieni da Me

Povia: «Amo le pulizie, sono un gay mancato». Gelo Caterina Balivo a Vieni da Me
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Maggio 2020, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 19:25

Pulizie di casa e omosessualità: secondo il cantante Giuseppe Povia vanno di pari passo. Durante il programma tv "Vieni da me" condotto da Caterina Balivo, Povia ha detto: «Amo le pulizie, io sono fissato con questo. Sono un gay mancato!».

Adele si mostra ai fan dimagritissima per il 32esimo compleanno

Faccia perplessa da parte della Balivo che lo ha ammonito: «Hai detto un’altra cretinata delle tue, Povia!». La conduttrice ha subodorato in un batti baleno che la frase avrebbe scatenato polemiche e indignazioni.  Ma soprattutto accuse di omofobia. «Ma che c'entrano le pulizie con l'essere omossessuale?». 

Caterina Balivo, imbarazzo a Vieni da me: bimbo inizia a urlare in diretta. Lei reagisce così

 


Povia a un certo punto della trasmissione sembra aver capito di aver pronunciato una frase a dir poco imbarazzante e ha cercato di giocare puntando tutto sulla difesa: «La state facendo tragica, volete farmi passare per scemo! Non ho detto nulla di male». «Nel 1992 ho perso il mio migliore amico in un incidente d’auto - ha raccontato anche - Una serata finita male, avevamo bevuto troppo ed è andata come è andata». «La paura è prudenza», dice di aver capito il cantante dopo quell'esperienza tragica. 

Povia ricoverato in ospedale, sarà operato: «Ho paura, ma sono in buone mani»
 

I commenti In rete, su Twitter sono arrivato una valanga di commenti negativi contro di lui e pure contro la trasmissione. Gli utenti chiedono: «ma perché lo invitate ancora?». Oppure: i concetti espressi da Povia sono da Medioevo. E ancora: «Automaticamente tutti i maschi etero sono lerci, sporchi e non si lavano?». Sul social interviene anche Vladimir Luxuria: «un uomo non smette di essere tale se collabora in casa e non è dedito solo alla clava. Un’idea del maschio cavernicolo tipico di chi è un “cervello mancato e poco aggiornato”».

 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA