“Ma cosa mi dici mai”, per Pasqua le avventure di Topo Gigio

Martedì 7 Aprile 2020
Topo Gigio
Per allietare questa Pasqua casalinga, arriva in anteprima esclusiva su RaiPlay una sorpresa per tutti i bambini e le loro famiglie: Topo Gigio, con avventure nuove di zecca.

I primi 13 episodi della nuovissima serie animata di Rai Ragazzi “Topo Gigio” saranno disponibili da mercoledì 8 aprile su RaiPlay e sull’app dedicata ai più piccini RaiPlay Yoyo.

La serie è formata da 52 episodi che andranno poi in onda su Rai Yoyo nel prossimo autunno. Ogni puntata è una storia a sé e quindi il pubblico potrà pienamente apprezzarequesta esclusiva pasquale. Capelli biondi, denti sporgenti, grandi orecchie rotonde e un’inconfondibile vocina con la quale pronuncia la sua frase preferita: «ma cosa mi dici mai?».

Questo l’identikit di Topo Gigio, il pupazzo inventato da Maria Perego, che da 60 anni vive nell’immaginario collettivo degli italiani e non solo. Questa nuovissima serie, realizzata in animazione 2D fra Milano e Firenze, racconta le avventure quotidiane del primo topolino della tv che vive nel mondo degli umani.

Per Topo Gigio ogni cosa è nuova ed interessante, anche una noiosa ricerca sui magneti o un semplice gioco in cortile con i suoi amici Zoe, Bike Bob e il GTeam. Topo Gigio può sembrare un topolino tranquillo, ma dietro a quell'aria dolce si nasconde un dinamico topo pieno d’idee. E’ tenero, simpatico e coccolone.

La serie animata, prodotta tutta in Italia da Topo Gigio Srl e Movimenti Production in collaborazione con Rai Ragazzi, è l’ultimo progetto a cui ha lavorato Maria Perego che ha partecipato all’ideazione e alla scrittura degli episodi. «Topo Gigio non è una marionetta, né un burattino, ma un neologismo creato dal mio lavoro…ha l’innocenza, lo stupore, il senso di inadeguatezza dei bambini. Per questo tuttise ne innamorano» disse Maria Perego, la geniale autrice del personaggio, scomparsa lo scorso novembre all’età di 95 anni, che ha supervisionato fino all’ultimo la serie animata.

L’esordio di Topo Gigio coincide con quello della tv italiana in bianco e nero, che ne fa tuttora un personaggio amatissimo da chi all’epoca era un bambino, con un successoche prosegue fino ai nostri giorni anche al di fuori dei confini italiani.

L’inedita serie non è un’operazione amarcord, l’intento è quello di celebrare un’eccellenza italiana con nuovi talenti dell’animazione nazionale per offrire al pubblico di oggi un personaggio ancora attualissimo. Un grande regalo di Pasqua per tutte le famiglie italiane per sorridere insieme al celebre topolino che come tutti noi, in particolare in questo periodo, è desideroso di tenerezze.
Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 15:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani