Marco Pantani, la madre a Domenica In: «Faceva uso di cocaina, ma non era dopato»

Domenica 3 Novembre 2019
Marco Pantani, la madre Tonina a Domenica In: «Faceva uso di coca, ma non era dopato»

Una morte ancora avvolta nel mistero, una madre in cerca di verità. Tonina Pantani, madre di Marco Pantani, ripercorre gli ultimi momenti della vita di suo figlio a Domenica In. Ospite di Mara Venier, la donna ricorda i giorni che precedettero quel maledetto 14 febbraio 2004, in cui il "pirata" sembrava sereno e spensierato: «Marco ha cantato fino agli ultimi giorni, aveva il Karaoke in casa, era una persona tranquilla. La cosa che mi ha dato fastidio è stato il modo in cui si sono accaniti su di lui, l'unica cosa che lo feriva era quando lo si colpiva nel suo orgoglio». Tonina da sempre sostiene che Marco non si sarebbe suicidato e oggi, a distanza di anni, continua a lottare per la verità. 

LEGGI ANCHE Pantani, alle Iene l'incontro tra madre e pusher: «Lotto da 20 anni, dammi una mano»

La signora Pantani spiega che il test positivo all'antidoping fu per lui un duro colpo, ma aggiunge che aveva fatto l'esame in buona fede, convinto che tutto fosse in regola. «Inizialmente pensava che fosse un altro Marco ad essere stato squalificato, si arrabbiò molto e andando via fece un secondo esame in cui l'ematocrito era come quello della sera, cioè perfettamente nella norma».

La donna chiarisce che la sua è una battaglia, non solo per Marco, ma per tutti i ragazzi come lui: «Marco non me lo dà indietro nessuno, ma non voglio che nessun altro ragazzo debba passare quello che ha passato lui». La mamma spiega come l'etichetta di "dopato" che gli era stata data lo ha logorato. Questo lo ha spinto nel tunnel della droga: «Dopo il giro ha iniziato con la cocaina, poi ne era uscito. Io ho fatto di tutto, sono andata anche a litigare con gli spacciatori, ma alla fine lui stava bene. Ha portato avanti battaglie legali per capire chi lo avesse drogato, ma non lo ha mai scoperto. Non mi venissero a dire che era un debole, era un forte».

Poi Tonina ricorda l'ultima volta che ha visto Marco: «Lui va a Milano per qualche giorno, la manager mi chiama e mi dice che ha assunto cocaina e di andare a Milano. Andiamo io e mio marito e li vediamo litigare, poi sono svenuta e non ho più visto Marco, l'ho rivisto morto».
 

Ultimo aggiornamento: 20:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani