Domenica In, Gina Lollobrigida: «Sean Connery baciava in modo elegante, Yul Brynner era impetuoso»

Domenica 20 Gennaio 2019
Domenica In, Gina Lollobrigida: «Sean Connery baciava in modo elegante, Yul Brynnner era impetuoso»

Elegante in rosso, Gina Lollobrigida è ospite di Mara Venier a Domenica In. La 91enne attrice, che sta per partire per Los Angeles, ha dichiarato: «Viaggiare, anche in voli lunghissimi, non mi stanca ma se c'è cattivo tempo io non parto. Mi piace stare dal lato del finestrino, mi piace vedere di fuori e sapere cosa c'è, altrimenti sarebbe come stare intrappolati in una scatola».


Gina Lollobrigida sarà ospite d'onore ad una rassegna cinematografica in California e, per l'occasione, sarà anche presentato anche un documentario su di lei, The Last Diva. «Sono arrivata a Los Angeles per fare cinema nel 1950, solo dopo ho fatto cinema in Italia, il cinema vero, insieme a De Sica» - ha spiegato l'attrice - «Negli Usa ho lavorato per tutti i colossi cinematografici mondiali».

Si è poi parlato della stella dedicata a Gina Lollobrigida nella Hollywood Walk of Fame. L'attrice, molto tempo fa, l'aveva rifiutata ma poi alla fine, lo scorso anno, ci aveva ripensato: «Pensavo fosse una trovata turistica, mi sbagliavo. Non potevo non essere orgogliosa di un simile riconoscimento». Parlando di due attori come Sean Connery e Yul Brynner, invece, Gina Lollobrigida ha spiegato: «Quando lavorai per la prima volta con Sean, era praticamente sconosciuto. Lui baciava in modo elegante, invece Yul Brynner era impetuoso, continuavamo a baciarci anche dopo lo stop del regista».

Si torna poi a parlare di una leggenda indimenticabile come Vittorio De Sica: «All'inizio, volevo fare la fotografa e la pittrice, pensavo ad una carriera da artista e l'ho sviluppata parallelamente a quella, ben più importante, di attrice. Con De Sica ho capito cosa fosse il vero cinema». Gina Lollobrigida ha poi aggiunto: «Mi sento ancora quella ragazza di Subiaco che soffriva per il suo paese distrutto dalle bombe durante la guerra. Ho 91 anni, ma ho ancora tanti progetti da fare e continuo a lavorare, per me lavorare è vivere. Senza lavoro, mi sentirei persa. Ho sempre guardato le cose importanti, quelle che mi rendono felice».

Si è parlato poi di Fidel Castro, incontrato in più occasioni: «Sapevo che era un mio ammiratore, quando viaggiò in Italia chiese di incontrare il Papa e me. Poi mi invitò a Cuba, facendomi alloggiare in una villa e accompagnandomi a fare un giro per le strade dell'Avana». Quando Mara Venier le chiede se c'è mai stato qualcosa tra lei e Fidel Castro, Gina Lollobrigida cerca di schivare le domande e spiega: «Era un bell'uomo, molto affascinante. Quando ci incontrammo, gli feci un ritratto così bello da tenermi una copia anch'io».

Ultimo aggiornamento: 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma