Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“I Lunatici” vincono il premio Biagio Agnes, ecco cosa c’è dietro al successo

Ecco "I Lunatici" Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio con il premio Biagio Agnes
di Francesco Guerrieri
2 Minuti di Lettura
Sabato 29 Giugno 2019, 12:30
“Gente della notte, sempre la stessa” cantava Jovanotti. E tra loro ci sono anche Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Chiamateli “I Lunatici”, grazie. Un programma che ha avuto successo fin da subito sulle frequenze di Radio 2, tanto da vincere il “Premio internazionale per l’informazione e la comunicazione Biagio Agnes” nonostante sia solo al primo anno. E dire che l’orario non era il più semplice del mondo per fare ascolti: il programma va in onda dal lunedì al sabato dall’1.30 di notte alle 6 di mattina.

Segreti? Uno su tutti: coinvolgere il più possibile il pubblico. Gli ascoltatori si sentono protagonisti del programma, parte integrante della grande famiglia dei nottambuli. Radioascoltatori ma anche cronisti, in tutto e per tutto: molto spesso sono loro ad annunciare gli eventi improvvisi chiamando in diretta. E’ successo così per il terremoto a Catania o per la tragedia durante il concerto di Sfera Ebbasta nel dicembre scorso a Corinaldo, quando il papà di uno dei ragazzi che erano dentro la discoteca ha chiamato durante la trasmissione per raccontare quello che stava succedendo.

Il punto di forza di Arduini e Di Ciancio è quello di (ri)mettere al centro del programma temi e problemi quotidiani oltre che sociali, coinvolgendo il pubblico facendolo sentire parte fondamentale della trasmissione. Un successo inaspettato in una fascia oraria difficile  per fare ascolti. I Lunatici ci sono riusciti, e ora si godono il loro premio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA