Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lol - Chi ride è fuori, il sorpasso dello streaming sulla tv tradizionale: la lezione di Boris e Lundini

Lol - Chi ride è fuori, il sorpasso dello streaming sulla tv tradizionale: la lezione di Boris e Lundini
di Alessio Esposito
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Aprile 2021, 18:27 - Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 08:26

«Un'altra televisione è impossibile». È questa l'amara conclusione a cui giunge Renè Ferretti, l'iconico regista interpretato da Francesco Pannofino in “Boris”, dopo aver invano provato a mettere «qualità» nella fiction da lui diretta. Renè alla fine si arrende, comprendendo che l'unico modo per avere successo è portare in scena la solita, infallibile, «me**a». Ma dopo anni in cui questo mantra (nato - ironia del destino - in una delle produzioni più originali degli ultimi 15 anni) ha effettivamente dominato il mondo dello spettacolo italiano, qualcosa sembra finalmente muoversi.

Lol chi ride è fuori: il programma che è già un tormentone (e non solo sui social)

Il successo di “Lol – Chi ride è fuori” (come quello di “Una pezza di Lundini”) è la dimostrazione che un'altra televisione è diventata possibile. Prendi un'idea originale, arruola un cast di giovani (accompagnati da talent più esperti) e metti su un format snello e fruibile: ecco la nuova ricetta del successo. Perché, se è vero che il pubblico della prima serata di Rai1 o Canale 5 ha un'età media ancora molto alta, è altrettanto vero che le grandi produzioni non possono più ignorare le potenzialità praticamente illimitate dello streaming e della fetta di pubblico che ne fruisce.

Non è un caso, del resto, che “Boris” sia diventato un cult anni dopo la sua uscita in tv (2007-2010) grazie a internet. E in estate uscirà una nuova stagione su Disney Plus. Discorso simile vale per “Una pezza di Lundini”, confermato nei palinsesti grazie a RaiPlay (e ai social), più che per lo share su Rai2. Non si tratta solo di cosa va in tv, si tratta di ridefinire il concetto stesso di televisione. Netflix, Amazon, Dazn, Disney e gli altri stanno segnando la strada. A Rai, Mediaset e Sky il compito di seguirla. Volenti o nolenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA