Sclerosi multipla, Ivan Cottini denuncia: «In tv non c'è uguaglianza, noi disabili non siamo supereroi»

Domenica 14 Luglio 2019
1

Una corsa contro il tempo dà valore al presente. Così ​Ivan Cottini, ex ballerino di Amici affetto da sclerosi multipla, considera la malattia come lo status di un nuovo presente con un senso e un valore da affermare. Continua a ballare nonostante tutto e rivendica l'abbattimento di barriere architettoniche "televisive". "Si parla di uguaglianza, di abbattere il muro della diversità - denuncia Cottini - ma in tv ci va solo il "costruito" e format per persone normodotate. I disabili sono inseriti solo in piccoli spazi e dipinti come super eroi. Ma non lo siamo e non vogliamo far tenerezza, desideriamo vivere sogni e passioni come tutti. È ora di vedere un opinionista disabile, un ballerino in un corpo di ballo down o in sedia a rotelle un inviato speciale". Dice basta a "talent per soli sfigati normodotati: noi sfigati disabili siamo quasi il 20 per cento del totale, è una grande fetta da tenere in considerazione per voi potenti". Così lancia la sfida a direttori e conduttori: "Sareste pronti ad avere un inviato down? Un ballerino nel vostro corpo di ballo in sedia? Un opinionista diverso?".

Ivan Cottini incanta e commuove il pubblico di Ballando: «Quando ballo non mi sento malato»

Ad ascoltare la madre, il ballerino è sempre stato un ribelle, ostinato nel perseguire il sogno del mondo dello spettacolo. Poi una mattina di fine aprile cambiò tutto. Si svegliò con il buio in un occhio e con i pantaloni bagnati e, col passare delle ore, non riusciva nemmeno a reggersi in piedi. Nel giro di un mese la diagnosi. La malattia era già in fase avanzata ma lui non lo sapeva. Il primo anno fu il più duro, "sia per me che per la mia famiglia, che assisteva impotente alla perdita e all'uso di alcune parti del mio corpo" racconta. Cottini perse molti chili e anche l'amore dell'epoca, la fidanzata storica. "Pensavo che la vita fosse finita, i miei genitori erano tutti i giorni in lacrime e più di una volta ho pensato di farla finita" confessa. Ad ogni ricovero era affiancato da psicologi e psichiatri. Poi durante una lunga notte a Milano al San Raffaele disse basta alla malattia. Voleva tornare a sorridere e sognare. Si concentrò su ciò che aveva, sulle parti del corpo su cui aveva ancora arbitrio e ricostruì un nuovo Ivan. "Organizzai un party in ospedale. In tanti aderirono e la cosa fece molto scalpore".

Ballando con le stelle, domani la finale con Ivan Cottini, il ballerino malato di Sla

Quella forza interiore ha ribaltato la sua esistenza. Durante questo periodo di rinascita conobbe la madre di sua figlia. "Diventare padre era il mio desiderio più grande e per farlo ho sospeso i farmaci aggravandomi, ma lo rifarei" ricorda. Persino il Papa venne a conoscenza della sua storia e volle incontrarlo insieme alla piccola Viola che benedisse mentre il capo dello Stato Mattarella lo ha nominato Cavaliere della Repubblica, tra i più giovani d'Italia, a soli 33 anni. La danza scoperta tardi, per caso e con la malattia è diventata oggi la sua terapia: "Sono il primo malato di Sla al mondo a ballare e sono diventato un punto di riferimento per tanti malati, uno stimolo a lottare nonostante gli haters che mi minacciano con lettere anonime e danni alla vettura e che vogliono condannarci alla malattia come se i malati dovessero recitare un ruolo predeterminato, accettare un destino segnato, quello di stare a casa e soffrire".
Servizio di Francesca Cicatelli

Ultimo aggiornamento: 16:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma