Irma Testa a Verissimo: «Ho detto a mia mamma di essere gay a 15 anni. Non potevamo comprare il pane»

La campionessa olimpica racconta la sua infanzia e il suo amore per il pugilato

Irma Testa a Verissimo: «Ho detto a mia mamma di essere gay a 15 anni. Non potevamo comprare il pane»
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Gennaio 2022, 19:29

Irma Testa oggi sfoggia una splendida e sudata medaglia olimpica, ma la sua vita non è stata facile. A Verissimo ha raccontato che lo sport, il pugilato, l'ha salvata. È cresciuta con i fratelli a Torre Annunziata, ma il padre è stato assente. La mamma lavorava giorno e notte pur di mantenerli: «Non riuscivamo a comprare il latte o il pane, abbiamo sempre però avuto l'aiuto dei nonni e degli zii».

Irma Testa a Verissimo: «Da piccola non riuscivamo a comprare il pane»

In quelle condizioni sarebbe stato facile perdersi: «C'erano pericoli intorno ai miei fratelli. Ho visto i miei amici di infanzia prendere strade sbagliate. Proprio perché conosco i pericoli ho scelto lo sport. È stato una via di fuga. L'amore per il pugilato l'ho provato dal primo momento. Il mio allenatore mi ha fatto da padre e maestro di vita e sport. Questo suo esserci mi ha spinta a restare in palestra e a credere nei miei sogni. Oggi i rapporti con papà sono molto migliorati, per anni non ho mai risposto al telefono. Ho messo da parte il rancore».

Video

«Ho detto a mia mamma di essere omosessuale a 15 anni»

«Io non voglio diventare come mia madre, non perché non sia in gamba, ma perché semplicemente un atleta deve essere egoista per raggiungere gli obiettivi», ha spiegato dopo aver ascoltato la lettera della mamma. E sul suo orientamento sessuale ha aggiunto: «Io l'ho affrontato con forza. Ho detto a mia madre che ero omosessuale a 15 anni». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA