Fratacchione, il governatore De Luca chiama così Fabio Fazio: ecco cosa significa

Lunedì 4 Maggio 2020
2
Fratacchione, il governatore De Luca chiama così Fabio Fazio: ecco cosa significa

«Anche io sono favorevole agli affetti stabili e sono convinto che anche lei nonostante la sua immagine da fratacchione abbia molti affetti stabili in giro per l’Italia»: Vincenzo De Luca, il governatore della Campania, si è rivolto così domenica sera in diretta a Che tempo Che FaFabio Fazio. Chi ha ascoltato l'intervista si sarà certamente chiesto cosa significa "fratacchione", quell'appellativo che De Luca ha rivolto al conduttore più volte. 

Virus, Giletti attacca Burioni sul «rischio zero in Italia». Sui social consensi e critiche

Aida Yespica torna su Instagram, il post dedicato all'amico misterioso: nuova fiamma?

Per il vocabolario della lingua italiana la parola “fratacchione” indica un frate alto e grosso, massiccio e tarchiato; in altre occasioni, può invece identificare un frate “buono in apparenza, ma in realtà traffichino”. 

Vincenzo De Luca a Che Tempo Che Fa ha parlato soprattutto della fase 2: «Da noi le mascherine sono obbligatorie e ne abbiamo distribuite gratuitamente, finora, quattro milioni. Arriveranno dei treni da Torino, forse è anche più preoccupante di Milano. Dobbiamo farci trovare pronti, io difendo le mie scelte adottate fino a oggi perché ero molto preoccupato per la mia regione, che in Italia ha la più alta densità abitativa. Giusto che le persone ritrovino i loro cari dopo due mesi, ma dobbiamo evitare nuovi contagi». Poi, rivolgendosi a Fabio Fazio, il presidente della Campania dice: «Anche lei, con la sua immagine da fratacchione, credo abbia tanti affetti stabili in giro per l'Italia». Il conduttore esplode in una risata e conferma: «Sì, domani torno da mia moglie e dai miei figli, che non vedo da due mesi».

 
 

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 10:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani