Eva Grimaldi e Imma Battaglia, la confessione a Pomeriggio 5: «Vogliamo diventare mamme»

La coppia sposata dal 2019 si dice pronta ad allargare la famiglia: le due donne diventeranno mamme affidatarie, come fece Simona Ventura con la piccola Caterina

Eva Grimaldi e Imma Battaglia, la confessione a Pomeriggio 5: «Vogliamo diventare mamme»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Febbraio 2022, 11:12

«Io e Imma ci siamo guardate negli occhi e ci siamo dette, perché non diventiamo mamme affidatarie?», con queste parole Eva Grimaldi nel salotto di Barbara D'Urso ha confessato la voglia di maternità condivisa con la "marita" Imma Battaglia. «Non si può dire genitori perché la legge purtroppo ancora non c’è, ma dare amore, istruzione ad una bambina, ad una mamma con una bambina, italiana, che è pieno. Si comincia così, un percorso talmente sottile e difficile che bisogna stare attenti e guardarci negli occhi. Io e Imma siamo una coppia di fatto, stiamo insieme da 11 anni». Le due donne si sono sposate nel 2019 circondate dall'affeto di amici e parenti e oggi si dicono pronte ad allargare la famiglia. 

Gf Vip, Eva Grimaldi in lacrime: ecco cosa le ha detto Imma Battaglia

Eva e Imma presto mamme

L’affido non sostituisce i due genitori biologici e ha una durata temporanea per questo può essere richiesto da coppie sposate, conviventi o anche single di qualsiasi identità sessuale. La Grimaldi ha voluto condividere con i suoi follower il video della confessione a Pomeriggio 5, «Che ne dite se io e Imma allargassimo la famiglia?». Tra le tantissime risposte anche quelle della diretta interessata: «Siiiiiiiii». 

Gf Vip, Eva Grimaldi e la dipendenza dall'alcol: «Vino e superalcolici non mi bastavano mai»

Prima di loro, Super Simo scese l'affido

Nel 2006 aveva provato Simona Ventura con la piccola Caterina, una bambina appena data alla luce di una sua parente, che per svariati motivi non poteva occuparsi di lei. La bambina le fu data inizialmente per due anni, poi rinnovati. Al compimento del quarto anno di età, la conduttrice chiese e ottenne un affido sine die, cioè senza termine. Infine nel 2014 è arrivata l'adozione, dandole il suo cognome.

© RIPRODUZIONE RISERVATA