Don Matteo 13, l'addio di Terence Hill dopo 22 anni: ecco in quale puntata entra Roul Bova (Don Massimo)

Dopo 259 puntate e 22 anni, Terence Hill passa il testimone a Roul Bova e per Spoleto il sacerdote non girerà piu' in bici ma in moto

Don Matteo 13, l'addio di Terence Hill dopo 22 anni: ecco in quale puntata entra Roul Bova (Don Massimo)
4 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2022, 21:41 - Ultimo aggiornamento: 21:43

Sono passati oltre 20 anni da quel 7 gennaio 2000, giorno in cui è andata in onda la prima puntata di Don Matteo. Nessuno si aspettava probabilmente che di quel sacerdote/detective nessuno potesse più fare a meno, e così tra un caso risolto e tante buone azioni fatte siamo arrivati alla tredicesima edizione della fiction. Stasera 31 marzo inizia Don Matteo 13! E l'attesa è altissima. Terence Hill (Don Matteo appunto) passa il testimone a Roul Bova (Don Massimo) che veste i panni di un parroco senza abiti talari e che gira in moto, forte e dedito al prossimo ma dal passato misterioso, che arriverà per sostituirlo a partire dal quinto episodio

Don Matteo 13, slitta la data di inizio della messa in onda

Don Matteo 13, l'addio di Terence Hill

Ancora qualche puntata quindi per dire addio a Terence Hill. Proprio Terence dall’America, ha mandato il suo saluto: «Vogliatevi bene». Avrebbe voluto continuare, magari con quattro puntate stagione. «Ma Don Matteo non è Montalbano» ha spiegato il produttore Luca Bernabei «noi facciamo una serialità, non sarebbe stato possibile». 

Che Tempo Che Fa, la rivelazione di Nino Frassica su Don Matteo spiazza il pubblico

L'arrivo di Roul Bova

Entra in punta di piedi Roul Bova senza voler spodestare nessuno dei successi raggiunti fino ad ora: «Io e Terence ci siamo incontrati e volevo avere una specie di consenso da parte sua. Credevo che fosse giusto, soprattutto per avere il passaggio del testimone. Il suo consiglio è stato quello di essere me stesso e sincero», ha detto Raoul Bova durante una conferenza stampa. Il pubblico televisivo – molto affezionato a Terence Hill -, ha dimostrato qualche preoccupazione in merito a questa decisione. Ma lo stesso ex campione di nuoto ha voluto intervenire sul tema: «Quando mi è stata offerta questa possibilità è stato un onore. Come cambia la vita cambia anche questa serie con questo nuovo personaggio. È un prete attivo che ha la forza di combattere, forte e fragile nello stesso tempo, e queste caratteristiche mi hanno colpito. Avevo voglia di provare queste emozioni e recitarle».

Maria Chiara Giannetta: «La mia forza è resistere, insistere e imparare»

Il successo della fiction

Uno stop quello di Don Matteo per Hill dopo 259 puntate a 22 anni dalla messa in onda della prima (7 gennaio 2020). Una lunga avventura televisiva accompagnata da ascolti record, una media di 7 milioni e mezzo, perché il prete-detective da subito ha appassionato milioni di persone. Don Matteo, prima parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Gubbio, poi trasferito a quella di sant'Eufemia a Spoleto dalla nona stagione. Don Matteo, raccontava in una delle ultime interviste all'ANSA in occasione della dodicesima stagione Terence Hill, «è un po' come il pistolero Trinità. Non ha un passato, non ha parenti». L'ideatore della serie, Enrico Oldoini, al debutto «gli aveva suggerito di utilizzare la bicicletta perché sarebbe stato più umano, inizialmente si era pensato a una moto. Aveva ragione Oldoini, vista la longevità della fiction e l'amore del pubblico». Strana la vita, Don Massimo si muove con una motocicletta. Un po' come la tonaca, che non viene utilizzata da Bova. Mentre Hill ha sempre utilizzato la stessa vecchia di vent'anni e ormai consunta. «Non ho mai voluto cambiarla. Qualche anno fa - raccontava all'Ansa in una delle ultime interviste - , dopo diverse insistenze, ho accettato di farmene fare una nuova, sono anche andato a farmi prendere le misure. Poi, quando me l'hanno consegnata, l'ho appesa in camerino è rimasta lì». La serie è apprezzata in tutto il mondo, dalla Francia alla Finlandia, dall'America all'Australia e il format è stato adottato anche in Polonia e in Russia.

Don Matteo 13, mercoledì a Spoleto il primo ciak di Raoul Bova nelle vesti di don Massimo

Il cast di questa stagione

Nella serie (prodotta da LuxVide con RaiFiction) torna Flavio Insinna nei panni del colonnello Anceschi, che arriva a Spoleto con la figlia Valentina (Emma Valenti), ragazza inquieta. Ritroviamo Nino Frassica, Maria Chiara Giannetta e Maurizio Lastrico. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA