Foto hackerate, Diletta Leotta in procura a Roma: uno scatto ha insospettito i magistrati

Venerdì 22 Febbraio 2019 di Enrico Lupino
1
Diletta Leotta dai pm a Roma per le foto hackerate: fascicolo aperto per ricettazione

Galeotte furono le foto rubate a Diletta Leotta: ora anche la procura di Roma indaga sulla vicenda. I magistrati di piazzale Clodio hanno aperto un fascicolo per ricettazione a carico di chi pubblicò una delle immagini private della conduttrice tv siciliana trafugate dal suo account tre anni fa. È una foto in intimo del lato b della showgirl, ora nella scuderia Dazn, ad aver destato l’attenzione della procura capitolina, essendo l’immagine provento di un altro reato sul quale stanno indagando i pm milanesi: il celebre hackeraggio dall’account Google Drive di Diletta che mandò in rete, sui gruppi whatsapp e in tutte le community online, gli scatti oggetto di contestazione. 

Belen e Diletta Leotta, scena hot a Radio 105

Hackerata Diletta Leotta, link con foto e video. Balotelli: «Ognuno col suo corpo fa ciò che vuole»

Ieri la 27enne, che su Instagram vanta oltre tre milioni di seguaci, era a Roma per essere sentita dagli inquirenti, accompagnata dalla sorella avvocato. I magistrati romani l’avevano convocata in merito alla vicenda giudiziaria che ha le sue origini anni fa, quando la conduttrice sporse denuncia alla Polizia Postale in merito al furto di materiale online. Sulla sponda meneghina le indagini avrebbero puntato l’obiettivo su un minorenne. Questi avrebbe avuto il ruolo di dare l’input alla diffusione del materiale privato della Leotta, pur non avendo violato l’account online della conduttrice. Le indagini sono ancora in corso e, a Milano, dovranno accertare chi commise l’accesso abusivo allo spazio di archiviazione digitale.

Una di quelle foto però sarebbe comparsa, secondo gli inquirenti, sulla stampa e da lì avrebbe avuto impulso l’attività del pm Carlo Villani, il magistrato che ha aperto il fascicolo iscrivendo giornalisti e direttore della rivista, presunti responsabili della pubblicazione. L’ex volto noto di Sky Sport, nel settembre 2016, periodo in cui la rete era inondata dai selfie della conduttrice, aveva reagito pubblicando una nota presso il suo ufficio stampa dicendosi «amareggiata e indignata» per quanto accaduto.

 

Nel febbraio del 2017, a pochi mesi dalla violazione dell’account, la Leotta calcò anche il palco di Sanremo dove portò la sua testimonianza di un atto «violento», come lei stessa lo definì. Più tardi la padrona di casa della serie A sulla pay tv di Dazn avrebbe detto, ammettendo di essere arrossita riguardando quelle foto, «le rifarei, ma con più attenzione alla password dei miei account».
 

Ultimo aggiornamento: 15:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chi tira tardi per spiare i cellulari

dei figli, con l’incognita password

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma