Desirée, Mughini choc in tv: «Era una drogata, non poteva fare una fine diversa»

A Domenica In il talk su Desirée, la rabbia di Francesco Facchinetti. Giampiero Mughini «Era una predestinata»
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Ottobre 2018, 15:16 - Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 16:29

A Domenica In il talk show affronta la terribile vicenda di cronaca nera di Desirée Mariottini, la 16enne drogata, violentata e trovata morta nel quartiere di San Lorenzo a Roma. Tra gli ospiti di Mara Venier ci sono Francesco Facchinetti, Giampiero Mughini, Massimo Lugli e Francesca Barra.  Ad attirare l'attenzione del pubblico ci pensa subito Facchinetti, che con veemenza si scaglia contro l'assenza di uno Stato che protegge i giovani e punisce i colpevoli. Per Mughini, invece, la ragazza era una «predestinata».

LEGGI ANCHE Desirée, gip convalida il fermo dei 3 indagati. Uno degli arrestati fa nuovi nomi

«Si drogava. Ed era nata e cresciuta in un reame di droga, dove non puoi trovare carmelitani scalzi. Era predestinata perché con una vita così e una famiglia così difficilmente avrebbe potuto fare una fine diversa», le parole dell'opinionista. Di diverso avviso è Facchinetti, per il quale la droga è sempre esistita tra i giovanissimi, ma ora i genitori hanno paura a mandare i figli in giro per strada. 

LEGGI ANCHE Desirée, il verbale dell’orrore: «Acqua e zucchero mentre moriva, tra stupratori il fidanzato»

Quasi a voler auspicare una "pena di morte", Facchinetti non nasconde la rabbia per quello che è successo: «Per me non c'è perdono... Queste cose non hanno ragione di esistere, anche quell'una di oggi non ha ragione di esistere perché io non il diritto di uccidere una persona. Noi ci drogavamo come non mai». «Questa è stata una situazione di un'assurda prepotenza... Veniva da una famiglia difficile, era una 'principessa' che stava al centro del reame della droga. Non possiamo stupirci di queste realtà... Altro che principesse! Io uso il sonnifero per dormire; se me lo togliessero, non so come reagirei. Io che sono uno strutturato! Figuriamoci cosa succede con la droga», conclude Mughini.
 



 

© RIPRODUZIONE RISERVATA