CORONAVIRUS

Coronavirus, Nicola Porro positivo: «È molto peggio di un'influenza». Quarta Repubblica si ferma per 2 settimane

Lunedì 9 Marzo 2020
2
Nicola Porro positivo: «È molto peggio di un'influenza». Quarta Repubblica si ferma per 2 settimane

Nicola Porro, conduttore di Quarta Repubblica su Rete 4, è risultato positivo al coronavirusLo annuncia Mediaset, che ha sospeso il programma per cautela sanitaria e ha invitato tutti i professionisti della redazione di Quarta Repubblica a restare in isolamento domiciliare. Pertanto, a cominciare dalla puntata prevista questa sera, il programma non andrà in onda in attesa degli sviluppi della situazione. Porro sarà video-collegato in diretta da casa con l'edizione speciale di Stasera Italia di Barbara Palombelli che andrà in onda in prima serata su Rete 4.

LEGGI ANCHE Coronavirus, bimbo di 9 anni contagiato in Piemonte: messo in isolamento a casa
LEGGI ANCHE Coronavirus, caso a Le Iene: trasmissione chiusa per due settimane
 


«C'è poco da dire è una brutta influenza. C'è qualcuno come il mio amico professore Ricolfi che dice che questa è una fake news, che è molto peggio di una brutta influenza. Ed è vero. È vero per quelli che sono negli ospedali e nelle rianimazioni, che non sono sufficienti». Nicola Porro parla così del coronavirus in un video postato sul suo sito (www.nicolaporro.it) intitolato «Ho il coronavirus. Vi racconto tutto».

LEGGI ANCHE Coronavirus, in Francia 3.500 persone travestite da Puffi si radunano per battere un record

«Ma io - avverte il giornalista - non voglio fare su me stesso una comunicazione alla "Grande Fratello", minuto per minuto: quanta febbre ho, quanta tosse ho, quanto ossigeno nel sangue. Spero che qualcuno non mi obblighi a ricoverarmi però la comunicazione deve essere laica, seria. Cioè ad alcuni prende come sta prendendo a me (e spero che on peggiori) ad altri invece sta prendendo veramente male e su quello non si scherza. Quindi un pochino più di responsabilità da parte di tutti quanti noi e cerchiamo di capire che è molto, molto, molto facile trasmetterlo perché io ancora non ho capito chi cacchio e dove cacchio sia riuscito a beccarmi il coronavirus che questa sera mi impedirà di avere il solito rapporto televisivo con voi. Ma non mi impedirà di avere la nostra "Zuppa"».

LEGGI ANCHE Coronavirus, l'appello di Vasco Rossi: «Questa è una guerra, restate a casa»

«La situazione è questa, cari amici commensali della zuppa. Mi sono beccato il virus. Ho fatto il tampone - dice Porro all'inizio del video - e risulta positivo e quindi per i prossimi almeno 14 giorni dovrò stare in isolamento. Ovviamente lo faccio seguendo tutte le procedure che i medici dello Spallanzani, molto bravi e rigorosi, mi hanno spiegato. Verrò contattato dalla Asl e sarò sotto monitoraggio soprattuto per questa tosse che mi è improvvisamente arrivata insieme al virus», dice Porro, il cui discorso è interrotto più volte dalla tosse.

Porro sottolinea quanto il virus sia contagioso e ammette di non sapere quale possa essere la fonte del suo contagio: «Negli ultimi 15 giorni non mi sembra di aver fatto niente di particolarmente incasinato. Anzi sono stato piuttosto attento, eppure il virus me lo sono beccato. E mi dispiace molto soprattutto per i colleghi, i tanti colleghi, con cui abbiamo lavorato a 'Quarta Repubblica' che forse non si sono beccati il virus (me lo auguro) ma che si sono beccati la quarantena da oggi per 14 giorni e per loro, a parte la seccatura, è un problema da tutti i punti di vista. Quindi mi scuso con tutti quanti loro e mi spiace moltissimo».

«Detto questo è ovvio che la trasmissione non potrà andare in onda questa sera. Quarta Repubblica si fermerà almeno per due puntate, almeno per quindici giorni», annuncia, per poi concludere: «Questa è l'era, altro che del metro di distanza, del kilobite di distanza. Un grande ringraziamento ai tanti che sono preoccupati per me. Non preoccupatevi. Non è retorica. Ci sono ben altre persone per cui preoccuparsi e bisogna preoccuparsi per persone che hanno una certa età e che conviene che con persone come il sottoscritto non siano mai in collegamento».
 

Ultimo aggiornamento: 19:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA