Claudia Endrigo: «La Rai ha dimenticato mio padre Sergio, la sua mancanza non finisce mai»

Claudia Endrigo: «La Rai ha dimenticato mio padre Sergio, la sua mancanza non finisce mai»
4 Minuti di Lettura

«Dedico la mia vita alla memoria di mio padre? Mi sembrava giusto». Inizia così l'intervista a Claudia Endrigo, figlia del cantautore Sergio, ospite della trasmissione di Rai1 Oggi è un altro giorno. Ha parlato del suo papà Claudia alla Bortone e di come ormai la sua missione sia diventata quella di ricordarlo, dopo che molti lo hanno dimenticato troppo presto. Un dolore troppo grande per il cantautore quello di trovarsi così di punto in bianco fuori dal giro”, messo da parte da quell'ambiente che fino a poco tempo prima lo acclamava. Sergio Endrigo è morto a Roma il 7 settembre 2005 a 72 anni, a causa di un tumore ai polmoni. Immediato il riferimento alla furiosa polemica durante il talent show The Voice Senior, condotto da Antonella Clerici, dove il pezzo Canzone per te, cantato dal concorrente Gianni Pera, era stato attribuito al trio de Il Volo anziché a Sergio. Claudia Endrigo, su Twitter, aveva così espresso la propria rabbia: “ Che la Rai abbia dimenticato mio padre ormai è cosa nota ma attribuire Canzone per te al Volo nella puntata di ieri sera di The Voice Senior, denota un’ignoranza veramente becera! Glielo segnaliamo?? “. 

Il valore della musica

Claudia ha quindi mostrato alla conduttrice i suoi due tatuaggi dedicati al padre, fra cui uno con la sua vecchia firma. Si è passati poi a parlare di musica. «Quante volte ascolto le sue canzoni? Vado a periodi, ci sono momenti in cui sono fragile e non le ascolto, altre in cui ho gran voglia di ascoltarle. Paragono la mancanza di una persona cara ad una malattia cronica: è sempre lì, silente, poi ad un certo punto esplode. È una mancanza che non finisce mai». Sull’amore per la musica del padre: «Lui l’ha sempre avuta, mio nonno, suo papà, era un tenore bravissimo, la musica ce l’aveva nel dna».

Le problematiche familiari

Tra le tante chiacchiere fatte nel salotto Bortone Claudia Endrigo ha raccontato anche della sua mamma, Maria Giulia Bartolacci e del rapporto turbolento che aveva con suo papà. Un amore intenso, passato «da un'esplosione d'amore ad un esplosione d'odio». Da piccola Claudia, dichiara che non si rendeva conto che le cose non andassero bene, lei viveva molto tempo con la nonna. Claudia anzi ricorda la sua infanzia come bellissima. «Ho avuto dei genitori meravigliosi. Se sono la donna… che sono ora, lo devo a loro. Mia madre è scomparsa a soli 52 anni. La mia infanzia è stata bellissima, di quelle infanzie che ti fanno crescere bene. Vivevamo in campagna. Ho frequentato la Montessori, le scuole sperimentali. Un periodo importante della mia vita, con genitori felici e vicini a me». Ma ad un certo punto Sergio Endrigo ha iniziato a bere, e la moglie Maria Giulia Bartolacci si è di conseguenza allontanata: «Più grande ho visto litigate furiose per il bere, piatti che si spaccavano per terra. Tutto derivante da cose non risolte, a cominciare dalla morte del padre, che non l’ha praticamente mai conosciuto. Non so, la dipendenza è qualcosa con cui ci nasci. Lui non era l’alcolizzato classico che beveva alla mattina, lui beveva alla sera, diceva che beveva per dimenticare ma invece gli faceva l’effetto contrario»

Giovedì 29 Aprile 2021, 19:27 - Ultimo aggiornamento: 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA