Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ciao Darwin, concorrente paralizzato dopo incidente sui rulli del Genodrome: processo per 4 dirigenti tv

L’incidente si è verificato tre anni fa durante le prova del “Genodrome” con i rulli. Il concorrente era scivolato su uno dei cilindri ed era precipitato in un vasca

Ciao Darwin, concorrente paralizzato dopo incidente sui rulli del Genodrome: processo per 4 dirigenti tv
di Michela Allegri
3 Minuti di Lettura
Domenica 20 Marzo 2022, 22:39 - Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 20:24

La sua vita è stravolta ormai da tre anni, da quando ha partecipato a un gioco televisivo, ha avuto un incidente ed è rimasto completamente paralizzato. Era il 17 aprile del 2019 quando Gabriele Marchetti, 56 anni, aveva preso parte come concorrente a una puntata di “Ciao Darwin”, trasmissione di punta di Canale 5 condotta da Paolo Bonolis. Durante il gioco del “Genodrome” era scivolato su uno dei rulli, aveva perso l’equilibrio ed era caduto, sbattendo violentemente la testa. Da quel giorno non può più muovere braccia, gambe e tutto quanto il corpo. Ora, però, si apre un nuovo capitolo di questa vicenda: la Procura di Roma ha disposto la citazione diretta a giudizio per quattro imputati, tra i quali due dirigenti di Reti televisive italiane, società di Mediaset e produttrice del programma. Il processo inizierà il 20 aprile.

L’imputazione

L’accusa, per tutti quanti, è lesioni colpose gravissime. Secondo il procuratore aggiunto Giovanni Conzo e il pubblico ministero Alessia Miele, titolari del fascicolo, i quattro avrebbero agito con «imprudenza, imperizia e negligenza», senza osservare le norme in materia di sicurezza e, soprattutto, senza avvisare il concorrente dei rischi che avrebbe potuto correre. Sotto accusa ci sono Sandro Costa e Massimo Porta, di Rti spa, Massimiliano Martinelli, della Maxima, società produttrice dell’attrezzatura, e Giuliana Giovannotti, della Sdl 2005, incaricata della selezione, formazione e informazione dei concorrenti.

Le contestazioni

Secondo i magistrati, Costa non avrebbe adottato le necessarie misure di prevenzione e di protezione dei partecipanti al gioco e non avrebbe effettuato una completa valutazione dei rischi delle prove incluse nella puntata. Porta, invece, avrebbe omesso di verificare l’idoneità del concorrente e non gli avrebbe nemmeno fornito istruzioni e addestramento. Martinelli, nella fase della progettazione del macchinario, avrebbe trascurato le conseguenze di incidenti e perdite di equilibrio: la vasca sottostante ai rulli era di dimensioni troppo piccole e il fondo non era idoneo ad attutire eventuali cadute. La Giovannotti, infine, non avrebbe fornito alla vittima le informazioni necessarie in relazione ai rischi. 

L’incidente

L’incidente era avvenuto mentre Marchetti stava facendo la prova dei rulli: saltando da un cilindro all’altro aveva perso l’equilibrio ed era precipitato nella vasca sottostante, che conteneva poca acqua e aveva il fondo rigido. Nella caduta, il concorrente aveva battuto la testa sul pavimento. La superficie dei rulli era scivolosa: un escamotage per rendere più difficile la prova, sottolineano gli inquirenti. Dalle indagini è emerso che la vasca conteneva acqua «con profondità di appena 1,09 metri»: troppo poca per garantire una caduta in sicurezza. Marchetti aveva riportato subito un grave «trauma cranico con contraccolpo del rachide cervicale», è scritto negli atti. La conseguenza è stata una malattia incurabile: tetraplegia con paralisi totale degli altri superiori e inferiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA