Chi l'ha Visto, chi c'è dietro le truffe romantiche: «All'uomo a cui avevano rubato la foto dicevano: 'Ci hai fatto comprare il motorino'»

Mercoledì 5 Giugno 2019 di Silvia Natella
2
Chi l'ha Visto, ecco chi c'è dietro le truffe romantiche: «All'uomo a cui avevano rubato la foto dicevano: 'Ci hai fatto comprare il motorino'»

Dietro le truffe romantiche c'è un'organizzazione criminale. Chi l'ha Visto? mostra i risultati delle indagini dopo le segnalazioni provenienti da tutto il mondo. Le vittime sono quasi sempre donne, che si innamorano dell'uomo di cui vedono solo una foto (sempre rubata) e con cui chattano online. Vengono raggirate al punto da versare notevoli quantità di denaro. 

Chi l'ha Visto e le truffe romantiche: «Le foto rubate sono 50, non accettate l'amicizia di queste persone»

Molte truffe sono opera della mafia nigeriana, un'organizzazione gerarchica che al livello più basso ha gruppi di ragazzini di 14 o 15 anni. Un attore dell'Azerbaijan è riuscito a risalire a chi gli aveva rubato la foto e a mostrare le immagini di una videochiamata eloquente. Dall'altra parte dello schermo c'è un gruppo di ragazzini della Costa D'Avorio che lo prende in giro dicendogli: «Qui sei molto amato e molto famoso. Grazie a te abbiamo comprato il motorino». Con il suo volto sono state truffate molte donne. 

I ragazzini hanno l'incarico di mandare la richiesta di amicizia, ma il primo contatto vero e proprio viene fatto da persone esperte che vivono in appartamenti di lusso. Un uomo, dai conti correnti da capogiro, è stato arrestato perché scoperto a capo di un'organizzazione pericolosa e potente. Per la mafia nigeriana le truffe sono uno dei principali business insieme alla prostituzione e alla droga.

In un video mandato in onda durante la puntata, c'è una donna olandese che irrompe nella casa dell'uomo africano che l'aveva truffata e si siede sul divano della sua abitazione lussuosa. «Eccomi. Guardami dal vivo. Tu scrivevi a me e questo divano l'ho pagato io». La donna gli ha prestato 20mila euro. 
 

Ultimo aggiornamento: 6 Giugno, 09:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento