Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cartabianca, rissa in diretta tra Andrea Scanzi e Alberto Contri: «Sei bollito». Il prof lascia lo studio: «Cretino»

Il tema Covid ha accesso una fortissima discussione tra il giornalista e il docente. La Berlinguer costretta a intervenire più volte

Cartabianca, rissa in diretta tra Andrea Scanzi Scanzi e Alberto Contri: «Sei un bollito». Il prof. lascia lo studio: «Cretino»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 11:02 - Ultimo aggiornamento: 13:01

A Cartabianca si torna a parlare di vaccini e green pass. E stavolta il dibattito da Bianca Berlinguer viene affidato a Alberto Contri, docente universitario e membro della appena nata commissione Dubbio e precauzione che era ospite in studio insieme ad Andrea Scanzi, giornalista de Il fatto quotidiano. Il dialogo tra i due si è trasformato in un attimo in uno scontro poco educativo. Messi da parte i convenevoli tra i due partono insulti. Neanche la conduttrice è riuscita a calmare gli animi. Il recidivo Contri, dopo una serie di battibecchi con Antonio Capranica che era in collegamento, si è acceso sul tema dei medici no vax e sull'incidenza dei contagi che è maggiore negli anziani piuttosto che nei giovani. 

Cartabianca, Mauro Corona spiazza Bianca Berlinguer: «Se la moglie non te la dà, che fai?»

Cartabianca, insulti tra Scanzi e Contri

«Questa non è una pandemia, ma una sindemia. Una patologia che prende soprattutto gli anziani. Non mi fido di questo tipo di vaccino, aspetto quello proteico», interviene così Alberto Contri. Parole quelle del docente che hanno trovato pochi consensi in studio. «Alberto Contri è l’emblema del cattivo maestro in questa fase storica. Non sa nulla di scienza, né di cosa stia parlando. A 77 anni ha scoperto che esiste il web e pensa che lì ci sia la verità» replica così Scanzi.

Bianca Berlinguer si sposa a 62 anni con Luigi Manconi: hanno una figlia ventitreenne

Le minacce della Berlinguer

Da qui per poco non si arriva alle mani, i toni si sono incendiati a tal punto che la Berlinguer ha dovuto alzare la voce, ma a poco è servito. «Sei uno stupido, io ho lavorato 21 anni con le case farmaceutiche», ha tuonato Contri ad Andrea Scanzi, che ha iniziato a urlargli sopra: «Hai una grandissima carriera ma non sai niente di scienza». Il salotto della Berlinguer si è così trasformato in una piazza da mercato rionale in cui il "venditore" alzava la voce per convincere l'"acquirente" che il suo "prodotto"  fosse migliore di quello del banco a fianco. Ma non si parlava di abiti o frutta qui il tema erano i vaccini. E mentre Contri con dati ufficiali alla mano voleva aver per forza ragione Scanzi non aveva dubbi: la sua tesi era quella giusta. «Ma quali dati ufficiali, ma vai a zappare», ha sbottato il giornalista. Poi il livello della discussione tra un «nano» e «mascalzone» di Contri rivolto a Scanzi e questo che gli risponde dandogli del «bollito» ha continuato a echeggiare nello studio e a poco sono servite le minacce della Berlinguer che voleva spegnere i microfoni.

No Vax in tv, Bianca Berlinguer: «Noi a favore dei vaccini, ma giusto dare spazio a queste minoranze»

Il prof. lascia lo studio

Ad mettere legna sul fuoco ci ha pensato poi Capranica che si è detto favorevole alla vaccinazione ma contrario alla derubricazione della pandemia.  Alberto Contri, ha fatto riferimento a qualche precedente tra loro, al che Antonio Caprarica non si è trattenuto: «Lei è un cialtrone». Il docente ha poi provato a spostare il discorso sul quantitativo di decessi provocati da altri fattori (come il fumo) ma la Bianca non ci è cascata e ha riportato l'attenzione sul tema Covid. Dopo Caprarica torna all'attaco Scanzi: «Hai i neuroni di un cercopiteco». Contri non ha retto più e si è alzato e ha lasciato lo studio: «Basta, io con questo cretino non ci sto. Stupido, mascalzone. Che il servizio pubblico si permetta di far parlare un giornalistuncolo come questo... Ma che vergogna».

Nel frattempo Antonio Caprarica ha annunciato di voler adire le vie legali contro Alberto Contri. «Chiedo che la Rai prenda le distanze», ha concluso il giornalista, invitato però dalla conduttrice ad andare avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA