Buondì Motta, la pubblicità scherza sulla musica neomelodica. È polemica sul web: «Offesa a Napoli»

Martedì 8 Ottobre 2019
Buondì Motta, la pubblicità scherza sulla musica neomelodica. È polemica sul web: «Offesa a Napoli»

La colazione dovrebbe mettere tutti d'accordo. Qualche volta, però, divide. Specie se si tratta del Buondì. L'ultima pubblicità della merendina della Motta, infatti, rischia di far crollare le vendite, invece di aiutarle. Perchè tutto questo polverone per un dolcetto? La storica azienda italiana ha preparato diversi sketch per promuovere il suo prodotto. Tutti iniziano con la più classica delle famiglie italiane (mamma, papà, figlio, figlia) seduta a tavola, un po' assonnata, un po' spettinata, intenta a rifocillarsi con la prima colazione. Elemento di novità rispetto agli spot degli anni passati, a tavola c'è anche Enza, un piccolo robottino artificiale, ispirato dai vari Alexa e Google Home, che dialoga con tutti e 4 i commensali. E infatti lo slogan è “Buondì Motta, la colazione a prova di deficienza artificiale”. 

LEGGI ANCHE «Qui un "no" vuol dire "sì"»: polemiche per lo spot del governo bulgaro, ma è solo un equivoco culturale
LEGGI ANCHE Rihanna, lo spot per il profumo è troppo hot: campagna censurata

LEGGI ANCHE Dolce & Gabbana chiedono scusa al popolo cinese per lo spot «razzista»

Non fosse che, in uno scivolone ci è caduta la stessa Motta. In uno dei siparietti, la deficiente artificiale minaccia la famiglia: «Ditemi come può una colazione essere leggere e nutriente allo stesso tempo. Oppure...musica Napoli». E diffonde poi nella stanza le note di un brano neomelodico tipico della tradizione e della cultura partenopea. Il video inizia a circolare ed è subito pioggia di critiche di razzismo sui social. Bisogna stare attenti a scherzare con le tradizioni altrui, ora lo sa anche Motta.

 

 


 
Sul profilo Twitter ufficiale intanto stanno già arrivando le scuse della Motta.
 

Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani