Alberto Angela: «Gli ascolti premiano la qualità e l'impegno»

Mercoledì 13 Marzo 2019
​Alberto Angela: «Gli ascolti premiano la qualità e l'impegno»

Soddisfatto, e non poco, Alberto Angela, dopo aver letto i dati di ascolto della prima puntata della nuova stagione di Meraviglie. «Siamo molto felici, perché gli ascolti premiano tanti mesi di durissimo lavoro, la qualità l'impegno tutta la squadra e dimostrano che esiste un pubblico molto attento e sensibile anche ai temi culturali, alla storia, all'arte, alla cultura in generale», dice.

Alberto Angela: dal 12 marzo quattro nuove puntate delle “Meraviglie” d'Italia

La trasmissione tv ieri ha raccolto su Rai1 una media di 4 milioni e mezzo di spettatori, superando il 19% di share e vincendo ampiamente la serata. «Parlare di affreschi rinascimentali in prime time può essere competitivo sul piano dell'Auditel», aggiunge Angela, sottolineando ancora «l'importanza di un bagaglio culturale che va valorizzato e restituito soprattutto ai giovani, che respirano l'ossigeno che viene dal passato: è una stretta di mano tra le generazioni che fa ben sperare. In fondo, il nostro modo di pensare, vivere, mangiare, ridere, stare in compagnia è frutto del bagaglio culturale che le generazioni precedenti ci hanno lasciato».
 


Dopo la cavalcata tra Mantova, Roma, il parco archeologico sommerso di Baia, la seconda puntata di Meraviglie «farà tappa a Ravenna, a Napoli con il teatro San Carlo e in Sardegna: visiteremo il museo archeologico di Cagliari, i giganti di Mont'e Prama, i nuraghi, luoghi particolarmente sorprendenti, testimonianza dei castelli più antichi di tutto l'occidente», conclude Alberto Angela.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani