Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Bano a Live non è la D'Urso: «Non vedo l'ora di vaccinarmi»

Al Bano a Live non è la D'Urso: «Non vedo l'ora di vaccinarmi»
di Eva Carducci
1 Minuto di Lettura
Domenica 28 Marzo 2021, 23:28

Al Bano è intervenuto nella prima fascia del programma serale di Barbara D'Urso, Live non è La D'Urso, quella che tratta argomenti di stretta attualità e politica: «Ero stato chiamato, aspetto perché dovrebbero chiamarmi per fine mese. Il vaccino è indispensabile per distruggere questo mostro chiamato Covid-19. In Israele c'è giù l'immunità di gregge, da noi invece è prevista per Marzo 2022. Per me è inaccettabile dover aspettare così tanto quando i vaccini ci sono». 

Insieme a Alessandro Cecchi Paone, Maurizio Belpietro, Andrea Romano del Partito Democratico e il professor Matteo Bassetti il cantante pugliese ha discusso della questione vaccini e della disparità di trattamento rispetto a paesi extra europei come appunto Israele.

Andrea Romano ha spiegato così la differenza tra le due nazioni: «Stanno arrivando milioni di dosi dai diversi fornitori, e fortunatamente la campagna vaccinale sta decollando anche da noi. Fondamentale perà che le Regioni mantengano un approccio omogeneo, dando priorità alle categorie più deboli».

Classe 1943 il cantante pugliese sarà vaccinato a breve, secondo le vigente normi in materia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA