Adua del Vesco, l'ex di Gabriel Garko: «Ero anoressica, pesavo 34 chili. Volevo morire»

Venerdì 8 Marzo 2019
Adua del Vesco si racconta a Verissimo ospite di Silvia Toffanin

Adua Del Vesco si racconta, emozionando, a Verissimo. Ospite di Silvia Toffanin, l'attrice ha toccato temi personali, drammatici: «Mi sono ritrovata in un tunnel oscuro e purtroppo quando me ne sono accorta era un po’ troppo tardi». Adua Del Vesco ha parlato del suo dramma personale, l’anoressia. Una malattia che le è quasi stata fatale ma che ha saputo sconfiggere anche grazie all’aiuto della famiglia: «Sono arrivata a pesare 32-34 chili. Ho rischiato la vita perché gli organi potevano smettere di funzionare da un momento all’altro, però non mi rendevo conto di quello che stavo rischiando. Anche perché forse morire era la mia volontà in quel momento. Passavo le mie giornate a letto a guardare il soffitto, non riuscivo a fare niente. Provavo la sensazione di morire da un momento all’altro. E’ bruttissimo, ma pensavo che quello fosse il mio destino».

Adua Del Vesco continua il suo racconto durante la puntata di sabato 9 marzo di Verissimo: «Sono caduta in una profonda depressione che mi ha portato a questo. Sono stati i miei genitori a farmi capire che stavo molto male, io negavo. Quando l’ho fatto ho chiesto aiuto e ho trovato una struttura in Sicilia».

A Silvia Toffanin, l’attrice siciliana spiega i motivi che l’hanno portata ad ammalarsi: «Cercavo una perfezione estetica che non esiste e che mi stava portando alla morte. Poi, ero molto insicura e volevo assomigliare a molte ragazze che si vedono sui social, che sono tremendamente magre ma non sono sane». Poi racconta: «Questa malattia ti cambia tantissimo e ti fa diventare una persona che non sei. Ero priva di sentimenti: se vedevo mia madre piangere non provavo niente, ero diventata egoista e mi interessava solo di me stessa. Però questa esperienza mi ha reso una donna più forte e matura».

Un periodo buio iniziato dopo la rottura della sua relazione con Gabriel Garko: «Quando ho iniziato a stare male, Gabriel mi è stato accanto anche se c’eravamo già lasciati. La nostra storia è finita per vari motivi. Ci siamo resi conto che non era una relazione che poteva andare avanti anche per la differenza d’età. Però - prosegue Adua - nel mio percorso ho trovato altri che hanno capito in pieno quello che avevo dentro e quello che stavo passando e non mi hanno giudicata, nonostante fossi molto aggressiva e scontrosa. Hanno visto oltre, sono riusciti a leggere la mia anima».

A questo momento difficilissimo si è aggiunto un grave lutto per Adua, la morte dello sceneggiatore Teodosio Losito, suo grande amico, che si è tolto la vita lo scorso 10 gennaio: «Lui è stato uno dei primi a credere in me. Durante questo percorso è stato un padre e un fratello. Sento molto la sua mancanza. Per qualunque cosa era il mio consigliere, un grande aiuto per guarire dalla malattia. È stato uno dei primi ad accorgersene. Non mi aspettavo si togliesse la vita. Per un periodo mi sono anche sentita in colpa per non aver capito la sua sofferenza e per non averlo aiutato. Però non ha mai dato nessun segnale».

La serenità, però, piano piano sta tornando, anche grazie a un nuovo amore: «Nella mia vita c’è qualcuno. È una persona che in realtà c’è sempre stata, mi ha aspettato per tanti anni e mi è stata vicino quando pesavo 34 chili: se non è amore questo non so cosa possa esserlo».

Ultimo aggiornamento: 9 Marzo, 18:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma